La Bibbia della Gioia

1 Pietro 2

Il popolo di Dio

1Perciò liberatevi da ogni forma di male. Non limitatevi a fingere di essere buoni! Non siate disonesti, né ipocriti, né invidiosi; e non fate maldicenze! 2-3 Ora che avete toccato con mano la bontà del Signore, gettate alle ortiche ogni cosa cattiva! Come bambini appena nati, siate bramosi di latte puro e spirituale, per crescere nella pienezza della salvezza. Avvicinatevi a Cristo, che è la pietra viva su cui Dio costruisce. Gli uomini, è vero, lʼhanno scartata, ma Dio lʼha scelta per il suo pregio.

Siate anche voi, allora, come tante pietre viventi che, entrando nella struttura dellʼedificio, formano una casa spirituale. Come sacerdoti consacrati a Dio, avvicinatevi a lui, voi che gli siete graditi in virtù di Gesù Cristo, e offritegli i sacrifici spirituali che egli gradisce. Infatti, si legge nelle Scritture: «Ecco io pongo in Sion una pietra angolare, scelta e preziosa. Chi crede in essa non resterà deluso». Perciò, per voi che avete creduto questa pietra è molto preziosa. Ma per quelli che rifiutano di credere, valgono queste parole: «La stessa pietra, scartata dai costruttori, è diventata la pietra principale dellʼedificio». Le Scritture dicono inoltre: «Egli è il sasso che li fa inciampare, la pietra che li fa cadere». Essi vʼinciampano, perché non hanno voluto ubbidire alla Parola di Dio. Questa è la fine a cui Dio li ha destinati.

Voi, però, non siete come loro, perché siete stati scelti da Dio stesso. Per il regno di Dio voi siete un popolo di sacerdoti, santi e puri, un popolo che Dio sʼè conquistato. Tutto questo, perché possiate annunciare le opere perfette di colui che dalle tenebre vi ha chiamati alla sua luce meravigliosa. 10 Una volta, voi non eravate nemmeno un popolo, ora invece siete il popolo di Dio. Voi che non conoscevate la misericordia di Dio, ora invece lʼavete ottenuta.

11 Fratelli miei, qui siete soltanto forestieri. Dato che la vostra vera casa è in cielo, vi prego di non aver nulla a che fare con i desideri malvagi di questo mondo, che sono sempre in lotta contro la vostra anima.

12 Comportatevi bene fra i non credenti, così, invece di parlare male di voi e guardarvi con sospetto, vedendo quanto bene fate, dovranno lodare Dio nel giorno in cui Cristo tornerà. 13 Per amore del Signore, siate sottomessi ad ogni autorità umana: sia che si tratti di capi di Stato, 14 che dʼaltre persone incaricate da loro di punire i colpevoli e di premiare la gente per bene.

15 È la volontà di Dio che, vivendo nel modo giusto, chiudiate la bocca a quelli che stupidamente condannano il Vangelo senza conoscerlo, senza averne sperimentato la potenza. 16 Voi siete liberi dalle leggi, ma non servitevi della libertà come paravento per agire male, bensì per servire Dio:

17 Rispettate tutti, amate i fratelli cristiani, temete Dio e onorate chi vi governa.

18 Voi servi rispettate i vostri padroni e fate tutto ciò che vi dicono, non soltanto se sono buoni e ragionevoli, ma anche se sono difficili e severi. 19 Dio, infatti, vi apprezza se, per la convinzione di doverlo fare per lui, sopportate una punizione ingiusta.

20 Che merito avreste, altrimenti, a sopportare pazientemente un castigo che avete meritato? Ma se, agendo bene, vi tocca soffrire, e sopportate con pazienza, allora Dio ne è contento.

21 Questa sofferenza fa parte del compito che Dio vi ha assegnato. Cristo, che ha sofferto per voi, vi serve dʼesempio. Seguite i suoi passi! 22 Egli non peccò mai, né disse mai la minima bugia. 23 Quando fu insultato, non rispose mai per le rime, e mentre soffriva non minacciava, ma aveva fiducia in Dio, che giudica sempre giustamente. 24 Egli stesso portò il peso dei nostri peccati sul suo corpo, quando morì sulla croce, perché noi tagliassimo i ponti col peccato e vivessimo una vita giusta. È stato con le sue ferite che egli ci ha guarito! 25 Come pecore che si sono disperse, vi eravate allontanati da Dio, ma ora siete ritornati al vostro pastore, al guardiano delle vostre anime, che vi protegge da ogni male.

The Message

1 Peter 2

11-3 So clean house! Make a clean sweep of malice and pretense, envy and hurtful talk. You’ve had a taste of God. Now, like infants at the breast, drink deep of God’s pure kindness. Then you’ll grow up mature and whole in God.

The Stone

4-8 Welcome to the living Stone, the source of life. The workmen took one look and threw it out; God set it in the place of honor. Present yourselves as building stones for the construction of a sanctuary vibrant with life, in which you’ll serve as holy priests offering Christ-approved lives up to God. The Scriptures provide precedent:

Look! I’m setting a stone in Zion,
    a cornerstone in the place of honor.
Whoever trusts in this stone as a foundation
    will never have cause to regret it.

To you who trust him, he’s a Stone to be proud of, but to those who refuse to trust him,

The stone the workmen threw out
    is now the chief foundation stone.

For the untrusting it’s

. . . a stone to trip over,
    a boulder blocking the way.

They trip and fall because they refuse to obey, just as predicted.

9-10 But you are the ones chosen by God, chosen for the high calling of priestly work, chosen to be a holy people, God’s instruments to do his work and speak out for him, to tell others of the night-and-day difference he made for you—from nothing to something, from rejected to accepted.

11-12 Friends, this world is not your home, so don’t make yourselves cozy in it. Don’t indulge your ego at the expense of your soul. Live an exemplary life among the natives so that your actions will refute their prejudices. Then they’ll be won over to God’s side and be there to join in the celebration when he arrives.

13-17 Make the Master proud of you by being good citizens. Respect the authorities, whatever their level; they are God’s emissaries for keeping order. It is God’s will that by doing good, you might cure the ignorance of the fools who think you’re a danger to society. Exercise your freedom by serving God, not by breaking the rules. Treat everyone you meet with dignity. Love your spiritual family. Revere God. Respect the government.

The Kind of Life He Lived

18-20 You who are servants, be good servants to your masters—not just to good masters, but also to bad ones. What counts is that you put up with it for God’s sake when you’re treated badly for no good reason. There’s no particular virtue in accepting punishment that you well deserve. But if you’re treated badly for good behavior and continue in spite of it to be a good servant, that is what counts with God.

21-25 This is the kind of life you’ve been invited into, the kind of life Christ lived. He suffered everything that came his way so you would know that it could be done, and also know how to do it, step-by-step.

He never did one thing wrong,
Not once said anything amiss.

They called him every name in the book and he said nothing back. He suffered in silence, content to let God set things right. He used his servant body to carry our sins to the Cross so we could be rid of sin, free to live the right way. His wounds became your healing. You were lost sheep with no idea who you were or where you were going. Now you’re named and kept for good by the Shepherd of your souls.