La Bibbia della Gioia

Giovanni 3

Una visita in segreto

1Una sera, calato il buio, un Fariseo, capo religioso dei Giudei, di nome Nicodemo, andò a trovare Gesù e gli disse: «Maestro, noi tutti sappiamo che Dio ti ha mandato per farci da maestro, e i tuoi miracoli ne sono una prova». Gesù rispose: «In tutta sincerità, ti dico questo: se tu non nasci di nuovo, non puoi vedere il regno di Dio».

«Nascere di nuovo!» esclamò Nicodemo. «Che significa? Come può un uomo, quando è vecchio, rientrare nel grembo di sua madre e rinascere?»

Gesù replicò: «Voglio dire questo: se una persona non è nata dallʼacqua e dallo Spirito Santo, non può entrare nel Regno di Dio. Gli uomini possono soltanto riprodurre la vita umana, ma lo Spirito Santo dà la nuova vita del cielo. Perciò non essere sorpreso, quando ti dico che devi nascere di nuovo! Proprio come puoi udire il sibilare del vento, senza sapere dove va o da dove viene, così accade a chi è rinato dallo Spirito.»

«Che intendi dire?» chiese Nicodemo.

10-11 Gesù rispose: «Tu sei un maestro tenuto in gran considerazione in Israele e non capisci queste cose? Io dico ciò che so e che ho visto, eppure non volete credermi. 12 Se non mi credete neppure quando vi parlo di queste cose che accadono qui, fra gli uomini, come potrete credermi se vi dicessi ciò che accade in cielo? 13 Perché fino ad ora soltanto io, il Messia, sono venuto qui sulla terra e ritornerò in cielo. 14 E come Mosè nel deserto innalzò sopra un palo un serpente di bronzo, allo stesso modo io dovrò essere appeso ad un legno, 15 affinché chiunque crede in me abbia vita eterna. 16 Perché Dio ha amato tanto il mondo da dare il suo unico Figlio, perché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. 17 Dio non ha mandato suo Figlio sulla terra per condannare il mondo, ma per salvarlo.

18 Chi crede nel Figlio di Dio per la propria salvezza non è condannato. Ma chi non crede in lui, è già giudicato e condannato, proprio per non avergli creduto. 19 La condanna si basa su questo fatto: che la luce è venuta dal cielo nel mondo, ma gli uomini hanno preferito il buio alla luce, per fare i loro sporchi comodi. 20 Infatti, chi fa il male odia la luce, perché vuole peccare di nascosto, al buio. Se ne resta lontano da quella luce, per paura che i propri peccati siano scoperti e condannati. 21 Ma chi agisce nel modo giusto viene volentieri verso la luce, per dimostrare che sta facendo la volontà di Dio».

22 Dopo questo, Gesù e i discepoli partirono da Gerusalemme per la Giudea, dove rimasero per un poʼ di tempo a battezzare.

Gesù e Giovanni

23-24 In quel periodo Giovanni Battista non era ancora stato messo in prigione. Anche lui battezzava ad Ennon, vicino a Salim, perché lì cʼera abbondanza dʼacqua e molti andavano da lui. 25 Un giorno, un tale cominciò a discutere sulla purificazione con i discepoli di Giovanni. 26 Essi, allora, andarono da Giovanni e gli dissero: «Maestro, lʼuomo che incontrasti sullʼaltra riva del Giordano, quello stesso che tu hai riconosciuto pubblicamente come il Messia, sta ora battezzando come noi e tutti vanno da lui, anziché venire qui da noi».

27 Giovanni rispose: «È Dio, in cielo, che assegna a ciascuno il proprio compito. 28 Voi stessi sapete che ho detto chiaramente che non sono io il Cristo, ma sono stato mandato soltanto per preparargli la strada. 29 La folla va sempre verso il centro di attrazione; la sposa seguirà lo sposo, mentre allʼamico dello sposo basterà condividere la sua felicità. Io sono lʼamico dello sposo e sono felice del suo successo. 30 È lui che deve diventare sempre più grande, mentre io devo mettermi da parte.

31 Egli è venuto dal cielo ed è superiore a tutti. Io invece sono della terra, e la mia intelligenza è limitata alle cose di questa terra. 32 Egli parla di ciò che ha visto e sentito, anche se sono davvero pochi quelli che credono alle sue parole! 33-34 Ma chi crede in lui, scopre che Dio è verità. Perché lui, che è stato mandato da Dio, parla da parte del Signore, che gli ha dato tutto il suo Spirito. 35 Il Padre ama il Figlio e nelle sue mani ha affidato ogni cosa. 36 Chi crede nel Figlio ha la vita eterna. Chi rifiuta il Figlio non vedrà la vita, ma lʼira di Dio resta sopra di lui».

Nkwa Asem

Yohane 3

Yesu ne Nikodemo

1Anadwo bi, ɔbarima bi a ɔyɛ Yudafo mpanyin no mu baako a wɔfrɛ no Nikodemo a ɔsan yɛ Farisini no, kɔɔ Yesu nkyɛn, kɔka kyerɛɛ no se, “Kyerɛkyerɛfo, yenim sɛ Onyankopɔn na ɔsomaa wo, efisɛ, obiara ntumi nyɛ nsɛnkyerɛnne a woyɛ yi gye sɛ Onyankopɔn ka ne ho.” Yesu buaa no se, “Merema woate ase sɛ, sɛ wɔanwo wo foforo a, worentumi nkɔ Onyankopɔn Ahenni no mu.”

Nikodemo bisaa no se, “Ɛbɛyɛ dɛn na me abasiriwa yi, betumi akɔ me na yam ama wɔawo me bio?”

Yesu nso buaa no se, “Mereka nokware akyerɛ wo, sɛ wɔamfi nsu ne Honhom mu anwo obi a, ɔrentumi nkɔ Onyankopɔn Ahenni no mu. Nea wofi onipa mu awo no no, yɛ ɔhonam, na nea wofi Honhom mu awo no no, yɛ honhom. Mma ɛnnyɛ wo nwonwa sɛ maka se, ɛsɛ sɛ wɔwo wo foforo! Sɛnea wote mframa nka nanso wuntumi nkyerɛ faako a efi ba ne faako a ɛbɔ kɔ no, saa ara na Honhom mu awo no nso te.”

Nikodemo bisaa no se, “Eyi ase ne dɛn? Mente ase.” 10 Yesu buaa no se, “Wo, ɔkyerɛkyerɛfo a wudi mu Israel na wonte eyi ase? 11 Nea yenim ne nea yɛahu na yɛreka akyerɛ mo yi, nanso munnye yɛn nni. 12 Sɛ meka asase yi so nsɛm kyerɛ mo na munnye nni a, ɛbɛyɛ dɛn na sɛ meka ɔsoro nsɛm kyerɛ mo a, mubegye adi? 13 Obiara nkɔɔ soro da gye me Onipa Ba no a mifi soro bae no.

14 “Sɛnea Mose maa ɔwɔ sɛso a wɔde kɔbere ayɛ asɛn dua so wɔ sare so no, saa ara na me nso wɔbɛma me so, 15 na obiara a ogye me di no, obenya nkwa a enni awiei. 16 Na sɛnea Onyankopɔn dɔɔ wiase ni, sɛ ɔde ne Ba a ɔwoo no koro no mae, na obiara a ogye no di no anyera na wanya nkwa a enni awiei. 17 Onyankopɔn ansoma ne Ba amma wiase sɛ ommebu wiase atɛn, na mmom ɔsomaa no sɛ, ommegye wiase nkwa.

18 “Obiara a ogye Ɔba no di no, wɔremmu no atɛn; na nea onnye no nni no, wɔabu no atɛn dedaw, efisɛ, wannye Onyankopɔn Ba koro no anni. 19 Nea Onyankopɔn gyina so bu atɛn ne sɛ: Hann no aba wiase nanso nnipa ani gye sum ho sen Hann no, efisɛ, wɔn nneyɛe nyinaa yɛ bɔne. 20 Ɔdebɔneyɛfo biara mpɛ Hann no, na ɔremmɛn Hann no, efisɛ, osuro sɛ ne nneyɛe bɔne no bɛda adi. 21 Na nea ɔyɛ Onyame apɛde no ba Hann no mu na obiara ahu sɛ ɔyɛ Onyame apɛde.”

Yohane di Yesu ho adanse

22 Eyi akyi, Yesu ne n’asuafo no fi Yerusalem kɔɔ Yudea akuraa bi ase kɔtenaa hɔ kakra bɔɔ asu wɔ hɔ. 23 Saa bere no ara na Yohane nso rebɔ asu wɔ Ainon a ɛbɛn Salim, efisɛ, na nsuwansuwa wɔ hɔ. Nnipa pii baa ne nkyɛn ma ɔbɔɔ wɔn asu. 24 Saa bere no na wɔmfaa Yohane ntoo afiase.

25 Da bi, Yohane akyidifo bi ne Yudani bi gyee akyinnye faa ahodwira ho. 26 Enti asuafo no kɔɔ Yohane nkyɛn kɔka kyerɛɛ no se, “Kyerɛkyerɛfo, ɔbarima bi a na ɔwɔ wo nkyɛn wɔ Yordan fa nohɔ no a wudii ne ho adanse no nso rebɔ asu na nnipa pii rekɔ ne nkyɛn.”

27 Yohane buae se, “Obi rentumi nni dwuma a ɛte sɛɛ gye sɛ Onyame ka ne ho. 28 Mo ara mudi me adanse sɛ meka kyerɛɛ mo se, ‘Ɛnyɛ me ne Kristo no na mmom wɔasoma me adi n’anim kan.’ 29 Adamfo a ɔboa ayeforokunu no wɛn n’aso twɛn no, na sɛ ɔte ne nne a, n’ani gye. Ɛno nti na m’anigye wie pɛyɛ no. 30 Ɛsɛ sɛ ɔyɛ ɔkɛse na me nso meyɛ ɔketewa. 31 Nea ofi soro aba no yɛ ɔkɛse sen obiara; nea ofi asase so no yɛ wiaseni na ɔkasa sɛ wiaseni. 32 Ɔsoroni no ka nea wahu ne nea wate nanso, obiara nnye no nni. 33 Wɔn a wogye no di no di adanse sɛ, Onyankopɔn yɛ ɔnokwafo. 34 Nea Onyankopɔn asoma no no ka Onyankopɔn asɛm, efisɛ, Onyankopɔn de ne Honhom ahyɛ no ma. 35 Agya no dɔ ne Ba no enti ɔde biribiara so tumi ahyɛ ne nsa. 36 Nea ogye Ɔba no di no benya nkwa a ɛnsa da, na nea onnye no nni no, rennya nkwa a ɛnsa da na mmom Onyankopɔn asotwe da ne so.”