La Parola è Vita

Ebrei 9:1-28

1Quel primo patto fra Dio e il suo popolo aveva delle norme per il culto e un santuario qui sulla terra. 2In questo luogo di culto cʼerano due stanze. Nella prima si trovavano il candelabro dʼoro e la tavola sulla quale venivano messi dei pani speciali santificati. Questa parte si chiamava il «Luogo Santo». 3Poi, dietro una cortina, cʼera unʼaltra stanza chiamata il «Luogo Santissimo», 4dove si trovavano lʼaltare dʼoro per lʼincenso e una cassa tutta ricoperta dʼoro: «lʼArca del patto». In questa cassa cʼerano: unʼurna dʼoro, che conteneva la manna, il bastone dʼAronne, che Dio aveva fatto fiorire, e le tavole di pietra su cui erano scritti i comandamenti del patto. 5Sopra lʼarca dʼoro cʼerano le statue di angeli chiamati cherubini, i guardiani della gloria di Dio, con le ali aperte sul coperchio dellʼarca detto il «Propiziatorio» su cui si offriva il sangue per avere il perdono dei peccati. Ma ora non è il caso di entrare nei dettagli.

6Ebbene, dopo aver disposto così tutte queste cose, i sacerdoti entrano regolarmente nella prima stanza per svolgere il loro servizio.

7Nella seconda stanza, invece, può entrare soltanto il sommo sacerdote, e una sola volta allʼanno. E quando vi entra, deve sempre portare del sangue di animali che offre a Dio per la purificazione dei propri peccati e di quelli del popolo.

8Con questo lo Spirito Santo ci fa capire che, secondo lʼantico sistema, la gente comune non può entrare nel Luogo Santissimo. Ciò avviene finché sussiste la prima stanza con lʼintero sistema che essa rappresenta.

9Questa è unʼimportante lezione per i giorni nostri. Infatti, secondo lʼantico sistema, si offrono doni e sacrifici che non riescono però a cambiare il cuore di chi li offre. 10Perché lʼantico sistema si limita a seguire certi rituali, come ad esempio: che cosa mangiare o bere, come procedere alle diverse abluzioni, ed altre regole che sono state valide, finché non è venuto Cristo a cambiare tutto in meglio.

11Cristo invece è venuto come sommo sacerdote, di questo sistema migliore: quello che abbiamo noi adesso. Egli è entrato nel tabernacolo più grande e più perfetto, quello del cielo, un tabernacolo non costruito dagli uomini, vale a dire, che non fa parte di questo mondo. 12Una volta per tutte Cristo è entrato in quella stanza più interna, il Luogo Santissimo. Là non ha portato sangue di capre o di tori, ma il proprio sangue, per mezzo del quale ci ha assicurato la salvezza eterna.

Il Nuovo Patto

13Se, in base allʼantico sistema, il sangue delle capre e dei tori e la cenere di una vitella bruciata potevano purificare il corpo dellʼuomo dal peccato, 14quanto più il sangue di Cristo purificherà la nostra coscienza dalle opere morte (i peccati che abbiamo commesso), per servire il Dio Vivente. Questo significa che non dobbiamo sentirci colpevoli per i nostri peccati. Perché, con lʼaiuto dello Spirito Santo eterno, Cristo, di sua spontanea volontà, ha offerto se stesso a Dio come vittima immacolata per i nostri peccati. 15Quindi, Cristo è il mediatore di un nuovo patto tra Dio e gli uomini, affinché tutti quelli che sono chiamati da Dio possano ricevere quelle cose meravigliose ed eterne che Dio ha loro promesso. Questo è possibile perché Cristo è morto per liberare gli uomini dalla pena dei peccati commessi, mentre dipendevano ancora dal vecchio patto.

16Ora, se qualcuno muore e lascia un testamento, nessuno avrà lʼeredità, finché non sarà stata accertata la morte di chi ha scritto quel testamento. 17Infatti, un testamento è valido soltanto in caso di morte di chi lʼha scritto; non ha valore, invece, se chi lo ha fatto è ancora vivo.

18Per questa ragione il primo patto dovette essere inaugurato con uno spargimento di sangue. 19Infatti, dopo che Mosè ebbe dato al popolo tutte le leggi di Dio, prese il sangue di capre e vitelli, lo mischiò con acqua, poi, servendosi di rami dʼissopo e di lana scarlatta, lo spruzzò sopra il libro delle leggi di Dio e su tutto il popolo, dicendo:

20«Questo è il sangue che segna lʼinizio del patto fra voi e Dio, il patto che Dio mi ha ordinato di fare con voi».

21E nello stesso modo, spruzzò di sangue il tabernacolo e tutti gli oggetti che servivano per il culto. 22Così possiamo dire che, secondo il vecchio patto basato sulle leggi di Mosè, quasi ogni cosa veniva purificata col sangue, perché senza spargimento di sangue non cʼè perdono dei peccati.

23Questa è la ragione per cui il tabernacolo qui in terra e tutto ciò che conteneva, cose che sono soltanto una immagine della realtà del cielo, dovettero essere purificate da Mosè in quel modo, per mezzo del sangue di animali. Ma era necessario che anche le stesse realtà del cielo fossero purificate con sacrifici molto più preziosi. 24Infatti, Cristo non è entrato in un santuario terreno, che è solo una immagine del vero tempio in cielo. Egli è entrato proprio nel cielo, per essere ora il nostro avvocato davanti a Dio. 25Non vi è entrato per offrire se stesso più volte, come fa il sommo sacerdote qui sulla terra, che ogni anno offre il sangue di animali nel Luogo Santissimo. 26In tal caso, sarebbe dovuto morire più volte, dalla creazione del mondo in poi. Invece no! Cristo è venuto una volta per tutte, ora che siamo alla fine dei tempi, per eliminare il peccato per sempre, morendo per noi.

27E, come è stabilito che gli uomini muoiano una sola volta e dopo la morte siano giudicati da Dio, 28così anche Cristo fu offerto in sacrificio una sola volta per cancellare i peccati di molte persone; e tornerà di nuovo, non per i nostri peccati stavolta, ma per portare la salvezza a tutti quelli che lʼaspettano.

Mushuj Testamento Diospaj Shimi

Hebreos 9:1-28

Diospaj Carpa huasipi curacuna imallata ruraj cashcami

1Riquichij: Dios punta ari nishcapica, Pai Diosta ima shina yuyarinatapish mandashcami. Shinallataj maipi Diosta yuyarichunpish, cai pachallapitajmi shuj huasita curca. 2Diosta yuyarina Carpa huasica, cashnami carca: Punta ucuca, Diospajlla Ucu nishcami carca. Chai ucupica candeleropish, meźapish, Diosman cushca tandacunapishmi tiyarca. 3Diospaj Carpa huasi ucullapitaj, linsohuan jarcachishca caishuj ucuca, Diospajlla ashtahuan chʼicanchishca Ucu nishcami carca. 4Chai ucupica, inciensota rupachina curi altarpish, Dios-huan ari ninacushca quillcata huaquichina Cajonpishmi tiyarca. Chai Cajonca, ucutapish jahuatapish curihuan pillushcami carca. Chai Cajón ucupica, maná shuti micunata huaquichishca curi mangapish, Aaronpaj, verdijlla tucushca varapish, Dios ari nishcata quillcashca tablajlla rumicunapishmi huaquichishca tiyacurca. 5Chai Cajón jahuapica, Dios sumaj cashcata ricuchij querubincunami shayacurca. Chaicunaca, juchayuj cashcamanta yahuarta maipi tsirapanata pacashpami shayaj carca. Chaicunamantaca cunanca, ña mana ashtahuan tucuita parlai tucunichu.

6Chashna allichishca cajpimi, curacunaca Diospaj Carpa huasi ucumanca, punllanta yaicushpa imalla rurana cashcata Diospaj rurancuna. 7Shina cashpapish Diospajlla caishuj Ucumanca, curacunata mandaj curallami huatapi shuj cutinlla yaicun. Chaimanca paipaj juchamantapish, shujtajcuna mana yachashpa rurashca juchacunamantapish animalcunapaj yahuarta Diosman cungapajmi yaicun. 8Chashna cajpimi, Diospaj huasi punta ucu tiyacujpirajca, Diospajlla chʼicanchishca caishuj Ucuman yaicuna ñanca, manaraj tiyashcata, Diospaj jucha illaj Espirituca yuyachin. 9Tucui caicunaca cunan punllapajca, shuj yuyachinallami. Diosman imalla cuna cashcata cushcapish, Diosman animalcunata cushpa huañuchishcapish Paita chashna adorajcunataca ima juchachina illaj, alli yuyaiyujtaca mana rurai tucunchu. 10Chai mandashcacunaca imallata micunata, imallata ubyanata, Diospaj ñaupajpi alli ricuringapaj maillarinatapish, jahua aichapi imalla ruranatapishmi yachachin. Caicunataca, Dios shujtajta rurangacamallami rurana carca.

Cristopaj yahuarmi ñucanchij juchacunata anchuchin

11Chashna cajpipish, Cristoca ñamari shamurca. Cunanca, curacunata Mandajca Paimi. Chashna cashcamantami, shamuj punllacunapi cuna cashca allicunata apamurca. Diospajta Pai ruracun Ucuca, ñaupa ucuta yalli jatunmari, tucuipi ashtahuan allipishmari. Chai Ucuca mana runacuna rurashcachu, mana cai pachapichu. 12Cristoca, Diospajlla chʼicanchishca Ucumanca ñamari yaicurca. Chai Ucumanca cʼari chivocunapaj, malta cʼari biźicunapaj yahuarta Diosman cungapaj mana yaicurcachu. Ashtahuanpish Paipaj quiquin yahuarta Diosman cushpa huiñaipaj quishpichingapajmi, shuj cutinlla yaicurca. 13Cʼari huagracunapaj, cʼari chivocunapaj yahuarpish, huarmi biźita rupachishca ushpatapish millaita rurajcunapaj jahuapi tsirapajpica, jahua aichataca mapata anchuchishpa chuyayachi tucunmi. 14Chashna cajpica, Cristopaj yahuarcarin ashtahuan chuyayachi tucujmari. Huiñaita causaj Espirituhuan chuya cashpami, Cristoca Paillataj Taita Diosman curishpa huañurca. Paipaj yahuarmi huañunaman apaj millaita rurana yuyaicunataca, cancunamanta pʼichacun. Chaimantami, causacuj Taita Diospajtaca rurai tucunchij.

15Mushujta Dios ari nishcata mañashpa cungapajmi, Cristoca chashna huañurca. Pai huañushpami, ñaupaman Dios ari nishcata pʼaquijcunapaj juchacunataca perdonarca. Dios agllashcacunaman huiñaipaj Dios cusha nishcata, paicuna japina cashcata mañashpa cungapajmi huañurca.

16Huañugrij pimanlla imallata saquinata quillcashpa churajpica, cusha nishpa quillcaj huañungacama shuyanarajmi. 17Cuna tucushpa quillcachij huañujllapimi, chai quillcapi tiyacuj shutiyujca japichun nishcata japin. Japichun nishpa quillcachij causacujpirajca, quillcashca tiyacujpipish imata mana japi tucunchu. 18Chaimantami Diosca, punta ari ninacuitapish, yahuarta jichashcahuan callarishca. 19Moisesca, Mandashcapi tucui imalla nishcacunatarajmi, tucuicunaman huillashca. Chai huashaca, puca millmata, hisopota japishpa huagracunapaj, cʼari chivocunapaj yahuarpipish, yacupipish satishpami, Dios Mandashcata quillcashca Libro jahuatapish, tucui chaipi cajcunapaj jahuatapish tsirapashca. 20Moisesca, chashna tsirapacushpaca: «Taita Dios ari nishpami, cashna yahuarta tsirapachun cancunata mandashca» nishpami, chai yahuarta tsiraparca. 21Shinallataj Diospaj Carpa huasitapish, Diospajta rurangapaj tucui imalla chai ucupi tiyajcuna jahuapipishmi tsirapashca. 22Mandashcapi nishca shinaca, imata chuyayachingapajpish yahuarhuanmi tsirapancuna. Mana yahuarta jichajpica, juchacunataca mana perdonanchu.

23Jahua pachapi tiyajcunata ricuchijcunalla cajpipish chashna yahuarhuantaj chuyayachina cajpica, jahua pachapitaj tiyajcunacarin, animalcunapaj yahuartapish yalli valij yahuarhuanmari chuyayachishca cana can. 24Cristoca jahua pachapi tiyaj Diospaj huasita ricuchingapaj, cai pachapi runacuna rurashca huasillamanca mana yaicurcachu. Ashtahuanpish cunanca, ñucanchijmanta Taita Diospaj ñaupajpi ricuringapajmi, Paica jahua pachamantaj yaicurca. 25Shinallataj curacunata mandaj curacuna shinaca, Diospajlla chʼicanchishca Ucumanca, huatanta animalcunapaj yahuarllata Diosman cushpa tsirapangapaj mana yaicunchu. Paica, mana cutin cutin Diosman curinchu. 26Chashna rurana cashca cajpica, cai pachata rurashca punllamantami cutin cutin huañucunmanlla carca. Ashtahuanpish cunan cai tucuricui huatacunapimi, Cristoca juchacunata anchuchingapaj, paillataj shuj cutinlla huañurca. 27Tucui gentecunatami, shuj cutinlla huañuchun churashca. Chai qʼuipaca, imalla rurashcatami Diosman ricuchina canga. 28Shinallatajmi Cristoca, shuj cutinlla cai tucui gentecunapaj juchacunata anchuchingapaj, Diosman Paillataj curishpa huañurca. Cutin qʼuipata shamushpaca, juchacunata anchuchingapajca mana shamungachu. Pai shamunata shuyajcunata quishpichingapajmari shamunga.