La Parola è Vita

Ebrei 6:1-20

1Perciò, lasciamo da parte gli insegnamenti elementari! Passiamo invece a cose più profonde, fino a raggiungere lʼinsegnamento perfetto, senza ritornare sui punti fondamentali. Certamente non cʼè bisogno di tirare ancora in ballo che per essere salvati è necessario avere fede in Dio. 2Non avete neppure bisogno che vi parli ancora del battesimo, dellʼimposizione delle mani, della resurrezione dalla morte o del giudizio eterno.

3Se Dio lo permette, ora andremo avanti a parlare di altre cose.

4-5Se dovessero cadere spiritualmente quelli che una volta hanno capito la Parola di Dio e hanno assaporato il dono celeste, sarebbe impossibile riportarli ad una nuova conversione. Parlo degli stessi che sono diventati partecipi dello Spirito Santo ed hanno conosciuto la dolcezza della Parola di Dio 6e le meraviglie del mondo futuro. Sì, sarebbe impossibile che si convertissero una seconda volta. In tal caso, crocifiggerebbero unʼaltra volta per conto proprio il Figlio di Dio e lo esporrebbero alla pubblica infamia.

7Difatti, una terra che assorbe piogge cadute in abbondanza, produce piante utili a chi la coltiva e riceve benedizioni da Dio. 8Ma se non dà che spine e rovi, allora non vale niente: sarà maledetta da Dio e finirà per essere bruciata.

9Cari fratelli, anche se parlo così, in realtà non credo che ciò che dico si adatti a voi, perché sono convinto che voi vi troviate in una situazione migliore, per quanto riguarda la salvezza. 10Dio, infatti, non è ingiusto. Come può dimenticare quanto avete lavorato per lui e lʼamore che gli avete dimostrato e che ancora gli dimostrate aiutando i suoi figli? 11Nondimeno desideriamo che continuiate fino alla fine con lo stesso impegno, in modo che possiate ottenere la vostra piena ricompensa.

12Allora, sapendo ciò che vi aspetta, non vi stancherete di essere cristiani, né potrete diventare pigri o indifferenti dal punto di vista spirituale, ma farete di tutto per seguire lʼesempio di quelli che ricevono tutto ciò che Dio ha promesso, grazie alla loro grande fede e pazienza.

Lʼesempio dʼAbramo

13Per esempio, quando Dio fece la sua promessa ad Abramo, siccome non cʼera nessuno più grande di lui per cui giurare, Dio giurò per se stesso. 14Disse che avrebbe benedetto Abramo molte volte, e gli avrebbe dato un figlio che sarebbe diventato capostipite di una grande nazione. 15Così Abramo aspettò con pazienza, finché Dio non gli diede un figlio, Isacco, proprio come aveva promesso.

16Quando si fa un giuramento, di solito lo si fa per qualcuno più importante di chi giura, qualcuno che possa obbligare a rispettare lʼimpegno preso, pena la punizione; così il giuramento serve da garanzia e mette fine ad ogni discussione. 17Ebbene, anche il Signore si vincolò con un giuramento; lo fece per dare la certezza a quelli che aveva promesso di aiutare che non avrebbe mai cambiato la sua decisione.

18Il Signore ci diede sia la sua promessa che il suo giuramento, in modo che potessimo contare in pieno su questi due atti irrevocabili, nei quali è impossibile che Dio non sia sincero. E tutti quelli che cercano scampo in Dio per avere la salvezza sono incoraggiati dalla promessa e dal giuramento di Dio: ora possono sapere senza dubbio che egli darà loro la salvezza che ha promesso.

19Questa sicura speranza di essere salvati è come lʼàncora della nostra anima, è la speranza che ci lega a Dio stesso e penetra al di là delle sacre cortine del cielo, 20dove Cristo entrò prima di noi ad intercedere per la nostra causa, quando divenne «sommo sacerdote per sempre, secondo lʼordine di Melchisedek».

Mushuj Testamento Diospaj Shimi

Hebreos 6:1-20

1Chaimanta cunanca, Cristomanta callaripi yachacushca jahualla yachacushcacunataca, ama chaillatataj cutin cutin yuyaricushunchu. Ashtahuanpish alli yachaj tucungapaj yachashpa catishunchij. Huañunaman pushaj millaita ruranacunata saquishpa, Diospajman cutirinatapish, Taita Diosta ima shina crinatapish, ama cutin cutin chaillatataj yachacushunllachu. 2Shinallataj bautiźarinamanta, crijcunapaj jahuapi maquita churanamanta, huañushcacuna causarinamantapish, huiñaita jatun llaquiman cachanamantapish, ama cutin cutin chaillatataj yachacushunllachu. 3Shinapish Taita Dios munajpica, ñuca nishca shina ashtahuan yachashpa catishunchari.

4Diosca, ñamari paicunapaj yuyaitaca achijyachirca. Jahua pacha Dios cushcataca, ñamari chasquircacuna. Diospaj jucha illaj Espiritutapish chasquircacunami. Chai jahua urmajcunapajca, ña mana jatarina tiyanchu. 5Diospaj sumaj Shimitapish yacharcacunamari. Shamuj punllacunapi imallata chasquina cashcatapish mallircacunami. 6Chai tucuita yachashca jahua, ‘Ña mana catinichu’ nishpa saquirishpaca, ña mana cutin mushujyangapaj Diospajman tigrari tucunchu. Chashna tucushpaca, paicunallatajmari Diospaj Churitaca, tucuicunapaj ñaupajpi pugllashpa cutin chacatacuj shina rurancuna.

7Allpapish cutin cutin tamyajpi chai yacuhuan nuyurishpa, paipi tarpujcunapaj granota pʼucushpami, Taita Dios alli nishca allpa tucun. 8Mana chashna alli pʼucushpa, cashalla, mapa qʼuihualla pʼucushpaca, chai allpaca mana alli nishca canapajmi tiyacun. Chai qʼuipacarin, rupachishpami tucuchinga.

9Yuyachingapaj chashna nishpapish cʼuyashca crijcuna, cancunataca quishpirishca cashcata yuyanchijrajmi. Cancunamanta chashna allita yuyanataca manataj saquinchijchu. 10Taita Diosca cashcata rurajmari. Chaimanta Paica, cancuna paita cʼuyashpa imalla allita rurashcatapish, Paipajlla cajcunata servishcatapish, cunancama servicushcatapish manataj cungaringachu. 11Chashna yuyacushpapish, tucuicunallataj cancuna chashna allita ruraj cashcataca, tucuri punllacama chai yuyai rurashpa catichunmi munanchij. Chashna cashpami shuyacushcataca, chasquingapajtaj chapacunchij. 12Ama qʼuillacuna caichijchu. Chaipaj randica crishcamantapish, mana pʼiñarij alli shungu cashcamantapish, Dios cusha nishcacunata japijcunata catishpa, allita ruracuichijlla.

Diosca imata cusha nishcataca pajtachingatajmi

13Taita Diosca, Paita yalli jatunca pi mana tiyajpimi, Abrahamman allicunata cusha nishpaca, quiquin shutillapitaj, pajtachina tucushpa, 14cashna nishca: «Canmanca, imatapish allicunata achcatami cusha. Canmantami achcata mirachisha, chashnatajmi rurasha» nishcami. 15Abrahamca, mana pʼiñarishpa alli shunguhuan shuyashpami, Dios cusha nishcataca chasquirca.

16Runacunaca, pajtachinataj tucushcata ricuchingapajca, paicunata yalli jatunpaj shutitami rimancuna. ‘Chai jatunpaj shutipi pajtachishatajmi’ nishpaca, cutinca mana chaillatataj rimanacunchu. 17Chaimantami Taita Diosca, Pai cusha nishcata shuyacujcunamanca, chaita pajtachinataj cashcata ricuchisha nirca. Chaitami: “Ñuca quiquintajmi chashna nini” nishca. 18Taita Diosca, Pai cuna tucushcatapish, ‘Chaitaca pajtachishatajmi’ nishcatapish, chai ishquitaca manataj pʼaquingachu. Chaimantami, Pai cuna tucushcata ñucanchij ñaupajpi churashcataca, chariracuj shina chai yuyai canchij. Chashna cajpimi tucuita saquishpa cʼuchuyajcunaca, shungu samarishpa jatunta cushicunchij. 19Chai yuyaimi ñucanchij almataca, jatun barcota charicuj jatun fierro shina sinchita chariracun. Chai yuyaimi ñucanchijtaca, jatun linsohuan jarcachishca, Diospajlla Ucumantaj yaicuchin. 20Chai ucumanca, Jesusmari ñucanchijta ñaupashpa yaicurca. Paitaca, Melquisedecta churashca shinallatajmi, huiñaipaj curacunata Mandaj Cura cachun churarca. Chaimantami Jesusca, Pairaj chaiman yaicurca.