La Parola è Vita

Ebrei 4:1-16

Un nuovo «luogo di riposo»

1Siccome la promessa di Dio è ancora valida (parlo della promessa che tutti possono entrare nel suo luogo di riposo), stiamo ben attenti che qualcuno di voi non pensi dʼesser arrivato troppo tardi. 2Perché questa meravigliosa notizia, è stata data a noi come a quelli che vissero al tempo di Mosè. A loro, però, non giovò, perché dopo averla udita, non vi prestarono fede. 3Noi, invece che abbiamo creduto in Dio, possiamo entrare nel luogo del suo riposo, quel «riposo» a proposito del quale Dio disse: «Quando mi sono adirato ho giurato che quelli che non credono in me non vi entreranno mai!»

Così parlò il Signore, benché avesse già preparato tutto e fosse in loro attesa fin dalla creazione del mondo.

4Sappiamo che Dio è pronto e aspetta, perché in un punto della Scrittura, a proposito del settimo giorno, si dice: «E il settimo giorno della creazione, dopo aver finito tutte le sue opere, Dio si riposò».

5Nonostante ciò, Dio ha detto: «Non entreranno mai nel luogo del mio riposo!» 6La promessa di Dio però rimane ed è riservata ad alcuni. E siccome quelli ai quali per primi fu annunciata la buona notizia non vi entrarono, perché avevano disubbidito, 7ecco che Dio fissa un nuovo giorno per entrarvi: oggi. Come abbiamo già detto, lo annunciò con queste parole per mezzo del re Davide, molti anni dopo il primo fallimento dellʼuomo: «Oggi, se udite la sua voce, non siate duri di cuore».

8Questo nuovo luogo di riposo di cui Dio parla, non è la terra di Israele in cui Giosuè condusse gli Ebrei. In tal caso Dio non avrebbe più parlato dʼun altro giorno per entrarvi. 9È dunque un altro riposo quello riservato al popolo di Dio, un riposo simile a quello del settimo giorno. 10Chiunque vi entri si riposa anchʼegli dopo il suo lavoro, come fece Dio dopo la creazione. 11Facciamo dunque del nostro meglio per entrare anche noi in quel luogo di riposo, badando di non disubbidire a Dio, come fecero gli Israeliti che non riuscirono ad entrarvi.

12Infatti, la parola di Dio è viva ed efficace, più affilata di qualsiasi spada a doppio taglio. Essa penetra rapidamente e a fondo in ogni parte dei nostri pensieri e sentimenti più intimi, mettendo in luce ciò che veramente siamo. 13Non cʼè niente che Dio non conosca, niente che possa restargli nascosto; tutte le cose sono nude e scoperte agli occhi del nostro Dio, al quale dobbiamo rendere conto di tutto ciò che facciamo.

14Siccome abbiamo un sommo sacerdote veramente grande: Gesù, Figlio di Dio, che ha attraversato i cieli per aiutarci, non dobbiamo mai cessare di avere fede in lui. 15Infatti non abbiamo un sommo sacerdote incapace di soffrire con noi nelle nostre miserie, anzi, il nostro sommo sacerdote comprende le nostre debolezze, perché ha avuto le nostre stesse tentazioni, anche se non ha mai peccato.

16Perciò, avviciniamoci con piena fiducia al trono di Dio, per ottenere la sua piena misericordia e trovare la grazia che ci aiuti nel momento del bisogno.

Mushuj Testamento Diospaj Shimi

Hebreos 4:1-16

Diospaj huahuacunapajca samarina tiyanmi

1Shina cajpica, Diosta manchanamari canchij. Ñataj Paihuan samarichun ñucanchijta yaicuchisha nicujpiraj, maijan cancunaca mana yaicunguichijman. 2Paicunaman shinallatajmi, ñucanchijmanpish alli huillaitaca huillarca. Chai huillashcata uyashpapish mana crishcamantami, mana ima allita japircacuna. 3Ashtahuanpish Taita Diosmari, paicunataca:

«Ñuca pʼiñarishpami paicunataca:

“Ñucahuan samaringapajca, manataj yaicungacunachu” nircani» nishca.

Chaimantami ñucanchijpish crishpalla, Paihuan samaringapajca yaicunchij. Pai imalla ruracushcamanta samarishcataca mana ninchu, chaicunataca tucui ima tiyajta rurashca punllallatajmi ña tucuchishpa saquirca. 4Chaimantami Quillcallapitaj maipitajshica, chai canchis punllamantaca cashna nicun: «Taita Diosca, ña tucuita rurashpaca, canchis punllapica samarircami» nicunmi. 5Cutin caipica: «Ñucahuan samaringapajca, manataj yaicungacunachu» nishcatamari ricunchij.

6Shinashpaca maijancunaca, manarajmari chai samarinaman yaicushca ricurinchu. Chai alli huillaita punta uyajcunacarin, uyashpapish mana caźushcamantami chaimanca mana yaicushcacuna. 7Chaimantami Diosca, unai huatacuna huasha chaillatataj yuyachina tucushca. Chaitami Davidman yuyaita cushpa: «Cunan» nishpa cashna huillachishca:

«Dios rimashcata cunan cancuna uyashpaca,

ama sinchi shungu caichijchu» nishca.

8Israelcunaman chai samarinata Josué cushca cajpica, Diosca mana cutintaj chai qʼuipaca, shujtaj punllapi samarinata cusha ninmanchu carca. 9Shinashpaca, Taita Dios agllashcacunaca, samarinamanca manaraj yaicushcacunachu. 10Dios-huan samarinaman yaicujca, Pai Taita Dios imallata ruracushcamanta samarij shinallatajmi, pai imalla ruracushcamantaca samaringa. 11Amalla pipish chai mana caźujcuna shinallataj urmachun. Ashtahuanpish chai samarinamanca, yaicuna yuyailla catishunchij.

12Diospaj Shimica causajmari, tucuita rurai tucujmari. Ishqui filoyuj ima espadatapish yallimari. Almatapish, espiritutapish, mucucunatapish, tullu ñutcutapish, chaupishpa yaicunllami. Yuyaipi ima tiyacujtapish, shungu imata munacujtapish tucuita ricuchijmi. 13Ñucanchijca, Diosmanmari tucui imalla rurashcataca ricuchina canchij. Pai Dios imalla rurashcacunaca, Paipaj ñaupajmantaca ima mana pacalla cai tucunchu. Ashtahuanpish Paipaj ñahui ricuipica tucui lluchulla, pascashca, ricunallamari tiyacun.

Jesusca curacunata Mandaj Jatun Curami

14Chaimanta ñucanchijca, Paita crishpa caticushcataca, alli catishunchigari. Diospaj Churi Jesusca, jahua pachacunata huichiyashpa yaicuj, curacunata Mandaj Jatun Curamari. 15Manamari ñucanchij irquicunata mana llaquipaj, curacunata mandaj Curata charinchijchu. Ashtahuanpish Paica, urmachipaj tucui laya llaquicunata ñucanchij shinallataj apacushpapish, manataj juchayuj tucurcachu. 16Chashna cashcamantaca, mana cʼuyaipajta cʼuyaj Pai Dios mandashpa tiyacunmanca mana manchashpa cʼuchuyashunchijlla. Paica mana cʼuyaipajta cʼuyaj, llaquij cashcamantaca, ñucanchij atichicujpica ayudangallamari.