La Parola è Vita

2 Corinzi 11:1-33

1Abbiate pazienza, lasciatemi parlare per un momento come se fossi un pazzo! Avanti, sopportatemi, e lasciate che vi dica tutto quello che sento! 2Perché, nei vostri confronti provo una gelosia che è quella stessa di Dio per quelli che gli appartengono. Vi ho promesso in matrimonio ad uno solo, Cristo, e a lui voglio presentarvi come una vergine pura. 3Ma, vedete, ho paura che, in qualche modo, le vostre menti possano essere sviate dalla sincera e pura devozione verso Cristo, proprio come Eva fu sedotta dallʼastuzia di Satana nel giardino dellʼEden. 4Siete così ingenui! Voi credete a qualsiasi cosa vi vengano a dire; e se qualcuno viene a predicarvi un altro Gesù, diverso da quello che abbiamo predicato noi, o se vi propongono di ricevere uno spirito diverso da quello che avete ricevuto o un messaggio di salvezza diverso da quello che avete accettato, come ci cascate facilmente!

Quegli uomini sono impostori!

5Ora non penso che questi «super messaggeri di Dio» siano migliori di me! 6Anche se non sono tanto esperto nel parlare, almeno so di che cosa parlo; e ve lʼho dimostrato in tutti i modi e diverse volte.

7È forse una colpa, se vi ho annunciato gratis il Vangelo di Dio? Mi sono sminuito ai vostri occhi, facendovi sentire superiori per questo? 8-9Ho «sfruttato», invece, le altre chiese, questo sì, accettando ciò che mi mandavano per potervi servire senza essere pagato! Neppure quando quei soldi finirono, ed ero ridotto alla fame, vi ho chiesto qualcosa, perché mi aiutarono i cristiani della Macedonia. Non vi ho mai chiesto neppure un soldo, né mai lo farò. 10Quantʼè vero che la verità di Cristo è in me, vi prometto che racconterò questo fatto a tutti i cristiani della Grecia! Perché? 11-12Forse perché non vi voglio bene? Lo sa Dio quanto vi amo. No, lo farò per togliere il terreno sotto i piedi di quelli che si vantano tanto di fare il lavoro di Dio come lo facciamo noi.

13Perché questi individui sono dei falsi apostoli, deglʼimbroglioni travestiti da apostoli di Cristo. 14Ma non cʼè da stupirsi. Se Satana stesso riesce a travestirsi perfino da splendido angelo, 15non cʼè da meravigliarsi se i suoi aiutanti possono fare altrettanto e si travestono da apostoli al servizio di Dio. Ma la loro fine sarà degna delle loro azioni malvagie.

16Lo ripeto, non prendetemi per pazzo; oppure sopportatemi come si sopporta un pazzo, se anchʼio mi vanto un poco come loro. 17Ciò che vi dico, quando mi vanto con tanta sicurezza, non viene da parte del Signore, ma lo dico come parlerebbe un pazzo senza cervello. 18Visto che gli altri continuano a darsi tante arie per ciò che sono, ebbene me ne darò anchʼio. 19-20Del resto voi, che pensate di essere tanto saggi, siete già abituati a sopportare i pazzi, eccome! E non ve ne importa niente se vi riducono loro schiavi, se vi tolgono anche la camicia, o se si approfittano di voi. Li sopportate perfino se vi guardano dallʼalto in basso o vi pigliano a schiaffi! 21Mi vergogno di dover dire che non sono abbastanza forte da fare altrettanto. Comunque, di qualsiasi cosa si possano vantare, (badate parlo ancora come un pazzo), io posso fare altrettanto.

22Vanno strombazzando a destra e a manca di essere ebrei, non è vero? Ebbene, anchʼio sono ebreo. Dicono di essere Israeliti, popolo prescelto da Dio? Anchʼio! Discendenti dʼAbramo? Anchʼio! 23Dicono di servire Cristo? (parlo sempre da pazzo). Ebbene, io lo servo più di loro, io, che ho sopportato fatiche ben più grandi di loro, che tante volte di più sono stato in prigione, che sono stato picchiato più di loro, che così spesso sono stato in pericolo di morte! 24Per ben cinque volte sono stato punito dai Giudei con i trentanove colpi. 25Tre volte sono stato bastonato, una volta sono stato lapidato, tre volte ho naufragato, e una volta sono rimasto un giorno e una notte in balia delle onde. 26Tante volte ho viaggiato per chilometri e chilometri, minacciato dai fiumi in piena e dai briganti, minacciato dalla mia stessa gente, i Giudei, e dai pagani. Ho affrontato la folla inferocita delle città, i pericoli nei deserti e sul mare; le minacce da parte di uomini che dicevano di essere fratelli in Cristo e non lo erano. 27E le fatiche e le pene che ho sopportato! Spesso le notti insonni, la fame, la sete, i continui digiuni e il freddo, senza avere vestiti sufficienti per coprirmi!

28Non basta questo, sto sempre in pensiero per tutte le chiese. 29Chi è che sbaglia, senza che io ne soffra con lui? Chi è che sta per cadere, senza che io mi faccia in quattro per aiutarlo? Chi è ferito spiritualmente, senza che io sia indignato contro il responsabile?

30Se proprio devo vantarmi, andrò fiero piuttosto delle cose che dimostrano la mia debolezza! 31Dio, Padre del nostro Signore Gesù Cristo, benedetto in eterno, sa che dico la verità. 32A Damasco il governatore del re Areta aveva fatto mettere delle guardie alle porte della città per catturarmi, 33ma da una finestra mi calarono in una cesta, lungo le mura, e così me la scampai.

Mushuj Testamento Diospaj Shimi

2 Corintios 11:1-33

Llulla huillajcunatami Pablo rimashca

1¡Loco shina ñuca ashata rimarishcata uyai tucunguichijpishchari! ¡Ima shinapish uyahuaichigari! 2Cancunataca, Taita Dios munashca shinallatajmi, pi shujtajpaj mana tucushpa, Paipajlla cachun munani. Cancunataca, pi cʼarihuan manaraj chayarinacushca solterata shinami, Cristopaj maquipi churasha nini. 3Chashna cajpipish caitaca manchacunimi: Evata culebra llulla shimicunahuan umashca shinallataj, cancunatapish umangallatajmari. Chashna rurajpica, Cristota tucui shunguhuan cʼuyashpa caźucushcataca, cungaringuichijllatajmari. 4Cancunaman ñucanchij huillashca qʼuipa, maijanpish Jesusmanta shujtaj shina huillaj shamujtaca, sumajta uyanguichijllami. Diospaj Espirituta chasquishca jahuamari, shujtaj espirituta chasquinguichij. Alli huillaita uyashca jahuamari, shujtaj huillashcatapish sumajta uyanguichij. 5‘Huillagrichun mingashcami canchij’ nicuj, chai jatun huillajcunataca, ñucata yalli yachaj cashcataca, mana yuyanichu. 6Rimarinataca uyananquita mana rimashpapish, yachaitaca charinimi. Tucui layami chaitaca ricuchishcanchij.

7Ñucaca, cancuna huiñarichun nishpami, Taita Dios cushca alli huillaita huillashpaca, mana ñahuita charij shina, imata mana mañarcani. Chashna rurashpachu, ¿mana allita rurarcani, imatagari? 8¿Shujtaj crij tandanacushcacunata huajchayachishpachu, cancunataca imata mana mañashpa servircani, imatagari? 9Cancunapajpi cashpapish, ñucapaj ima illajpica, pita mana mañashpa pʼiñachircanichu. Macedoniamanta shamuj huauquicunami, ñucapaj ima illashcataca curca. Chashna cujpimi, cancunataca imata mana mañashpa pʼiñachircani, manataj pʼiñachishapishchu. 10Cashcatataj Cristo yachachishca shimicunata huaquichij cashpami, caitaca nini: Tucui Acaya llajtapica, imata mana mañarcanichu. Chaimanta ñuca cushicunataca, pi mana jarcangachu. 11¿Ima nishpashi chashna nicuni? ¿Cancunata mana cʼuyashcamanta, chashna nicushcatachu yuyanguichij? Mana, cancunata cʼuyashcataca, Taita Diosllataj yachanmi.

12Ñucanchijtapish, paicuna shinallataj tucuchunmi yuyancuna. Manataj chaita rurashpa cushichishunchu. Ñuca ima shina ruracushcataca, chashnallataj rurashpa catishallami.

13Chaicunaca, ‘Huillagrichun mingashcami canchij’ nishpa purij, llulla huillajcunami. Umashpa crichijcunami, huillagrichun Cristo mingashcacunaman rijchashpa purijcunami. 14Chashna tucushcaca, mana ima mancharinachu. Satanasllatajpish, achij nicuj ángel shina tucunllami. 15Chashna cajpica, Satanaspajta rurajcunapish cashcata rurajcuna shina tucujpica, ima mancharina mana canchu. Chaicunaca, paicuna imalla rurashcamantaca, tucuripimi llaquichishca cangacuna.

Pabloca achca llaquicunatami apashca

16Ñucataca, ama loco cashcata yuyapaichijchu. Chashna yuyacushpaca, shinashpaca loco shina rimarishpa, ashata jatun tucujta uyahuaichij. 17Chashna tucuita yachaj shina rimarishpaca, mana Apunchij Jesús munashca shina rimacunichu. Ashtahuanpish cʼari tucusha nishpatajmi, loco shina rimarini. 18Chashna taucacuna quiquin aicha yuyashca shina jatun tucucujpimi, ñucapish ashata cʼari tucushpa rimarisha nini. 19Cancunaca alli yuyaiyuj cashpami, chʼahuancunataca cushicushpa uyanguichijlla. 20Paicunamari cancunataca, paicunapajta rurachun huatashpa churacun. Causajtamari millpucun, tucuitamari quichun, cancunapaj jahuapimari jatun tucuncuna, ñahuipimari huajtancuna. Chashna rurajpipish, tucuita saquinguichijllami. 21¡Ñucanchijca chashna ruranataca, manchaj shina mana rurashpa saquijllacunami carcanchij! Ñucallatataj pinganayacujpipish, caitaca ninimi.

Shina cajpipish shujtajcuna imamantapish jatun tucujpimi, ñucapish loco shina rimarishpa jatun tucuni. 22¿Paicunaca hebreocunachu? Ñucapish chaillatajmi cani. ¿Paicunaca israelcunachu? Ñucapish chaillatajmi cani. ¿Paicunaca ñaupa yaya Abrahampaj huahua huahuacunachu? Ñucapish chaillatajmari cani. 23¿Paicunaca Cristopajta rurajcunachu? (Loco shina rimaricushpapish, ñucacarin paicunata yallimari cani). Paicunata yallimari rurashcani. Paicunata yalli sinchitamari cutin cutin azotihuashcacuna. Paicunata yallimari carcelcunapi tiyarcani. Tauca cutinmi huañunalla llaquipipish carcani. 24Pichca cutinmi judiocunaca, quimsa chunga iscuncama azotihuarcacuna. 25Quimsa cutinmi ñucataca, varahuan garrotircacuna, shuj cutinca rumicunahuanmi shitarcacuna. Ñuca ricun barcocunaca, quimsa cutinmi yacupi huashicurca. Shuj cutinca, shuj punlla shuj tutatami, mama cucha yacupi huambucurcani. 26Ñucaca ñancunapipish, tauca cutinmi huaicu yacu apanamanta quishpirircani. Tauca cutinmi shuhuacunapaj maquimanta, israelcunapaj maquimanta, mana israelcunapaj maquimantapish quishpirircani. Pueblocunapipish, shitashca pambacunapipish, huañuchina manchai, mama cucha yacupipish huañuna manchai, ‘Crijmi canchij’ nij tucujllacunapaj maquipi urmana manchaipishmi purircani. 27Micungapajpish quiquin maquihuan sinchita trabajashpa, tauca cutinmi mana dormishpa pacarircani. Yaricaihuan, yacunaihuanmi purircani, tauca cutinmi ayunarcani. Churana illajlla, chirihuanmi purircani. 28Tucui caicunata yallica, punllantami tucui llajtacunapi caj crij tandanacushcacunata yuyarishpa, ‘¿Ima shinachari puricuncuna?’ nishpa, shungu pʼiticurcani. 29Maijancuna ungujpipish, ñucata nanajpi shinami llaquirini. Maijanta pi pandachijpicarin, nina japirij shinami pʼiñarini.

30Imamanta cushicuna cajpica, ñucaca imata mana rurai tucuj cashcamantami, jatunta cushicusha. 31Ñuca mana llullacushcataca, Apunchij Jesucristopaj Yaya Diosmari yachan. (¡Paica, huiñaita alli nishcami!) 32Damascopica, chai llajtata mandachun jatun mandaj Aretas churashca mandajmi, ñucataca japingapaj chai pueblomanta llujshina pungucunapi chapachirca. 33Shina cajpipish pueblo muyundij pirca ventanatami, shuj canastapi ñucataca cacharircacuna. Chashna rurajpimi, ñucata japisha nicujpaj maquimantaca quishpirircani.