New International Version - UK

1 Corinthians 3:1-23

The church and its leaders

1Brothers and sisters, I could not address you as people who live by the Spirit but as people who are still worldly – mere infants in Christ. 2I gave you milk, not solid food, for you were not yet ready for it. Indeed, you are still not ready. 3You are still worldly. For since there is jealousy and quarrelling among you, are you not worldly? Are you not acting like mere humans? 4For when one says, ‘I follow Paul,’ and another, ‘I follow Apollos,’ are you not mere human beings?

5What, after all, is Apollos? And what is Paul? Only servants, through whom you came to believe – as the Lord has assigned to each his task. 6I planted the seed, Apollos watered it, but God has been making it grow. 7So neither the one who plants nor the one who waters is anything, but only God, who makes things grow. 8The one who plants and the one who waters have one purpose, and they will each be rewarded according to their own labour. 9For we are fellow workers in God’s service; you are God’s field, God’s building.

10By the grace God has given me, I laid a foundation as a wise builder, and someone else is building on it. But each one should build with care. 11For no-one can lay any foundation other than the one already laid, which is Jesus Christ. 12If anyone builds on this foundation using gold, silver, costly stones, wood, hay or straw, 13their work will be shown for what it is, because the Day will bring it to light. It will be revealed with fire, and the fire will test the quality of each person’s work. 14If what has been built survives, the builder will receive a reward. 15If it is burned up, the builder will suffer loss but yet will be saved – even though only as one escaping through the flames.

16Don’t you know that you yourselves are God’s temple and that God’s Spirit lives among you? 17If anyone destroys God’s temple, God will destroy that person; for God’s temple is sacred, and you together are that temple.

18Do not deceive yourselves. If any of you think you are wise by the standards of this age, you should become ‘fools’ so that you may become wise. 19For the wisdom of this world is foolishness in God’s sight. As it is written: ‘He catches the wise in their craftiness’3:19 Job 5:13; 20and again, ‘The Lord knows that the thoughts of the wise are futile.’3:20 Psalm 94:11 21So then, no more boasting about human leaders! All things are yours, 22whether Paul or Apollos or Cephas3:22 That is, Peter or the world or life or death or the present or the future – all are yours, 23and you are of Christ, and Christ is of God.

La Parola è Vita

1 Corinzi 3:1-23

I risultati dellʼimmaturità spirituale

1Cari fratelli, non vi ho parlato come a cristiani maturi, ma come a dei bambini, nati da poco alla vita cristiana e ancora legati ai valori di questo mondo. 2Ho dovuto nutrirvi con del latte e non con cibi solidi, perché non avreste potuto digerirli. E ancora adesso dovete essere nutriti col latte. 3Infatti, per quanto riguarda la vita cristiana, siete ancora bambini, perché siete guidati dai vostri desideri, non da quelli di Dio. Il fatto che tra di voi ci siano liti e gelosie non è, forse, la prova che siete ancora bambini e fate quello che vi pare? Proprio così, vi comportate come quelli che non appartengono affatto al Signore. 4Quando discutete chi sia più importante, se io o Apollo, e così facendo dividete la Chiesa, non dimostrate, forse, quanto siete cresciuti poco nel Signore? 5Chi siamo io e Apollo per causare un litigio? Siamo soltanto semplici servi di Dio, ognuno con certe particolari capacità, servi per mezzo dei quali voi avete creduto. 6Il mio lavoro è stato quello di seminare il seme della verità nel vostro cuore, e Apollo lo ha annaffiato, ma è stato Dio, non noi, che lo ha fatto crescere. 7Perciò chi pianta e chi annaffia non contano niente, chi conta invece è Dio, perché è lui che fa crescere le cose. 8Chi semina e chi annaffia ha la stessa importanza. Ciascuno però riceverà la sua ricompensa, secondo il lavoro svolto. 9Noi, infatti, siamo collaboratori di Dio e voi siete il campo di Dio, oppure lʼedificio di Dio. 10Dio mi ha dato il privilegio di gettare le fondamenta proprio come fa un saggio architetto, fondamenta sopra cui altri hanno costruito. Ma chi costruisce sulle fondamenta deve stare molto attento, 11perché nessuno può mettere altre fondamenta oltre a quelle già poste, e cioè Gesù Cristo. 12Ma si possono usare diversi materiali per costruire su quelle fondamenta. Alcuni usano oro, argento, o pietre preziose; altri usano legno, fieno o perfino della paglia! 13Nel giorno del giudizio di Cristo ci sarà la grande prova, in cui si saprà che materiale ha usato ogni costruttore. Questo giorno sta per avvicinarsi, e lʼopera di ciascuno sarà sottoposta alla prova del fuoco per vedere quanto vale. 14Allora, chi avrà costruito su fondamenta col materiale giusto, che supera la prova, riceverà una ricompensa. 15Ma se ciò che ha costruito brucerà, egli subirà una grave perdita: per quanto lo riguarda sarà salvato, ma come uno che scappa attraverso le fiamme.

16Non sapete che siete un tempio di Dio e che lo Spirito Santo abita in voi?

17Ebbene, se qualcuno distrugge il tempio di Dio, Dio distruggerà lui, perché il tempio di Dio è santo, perciò anche voi lo siete. 18Smettetela di farvi illusioni! Se qualcuno di voi pensa di avere unʼintelligenza superiore alla media, perché giudica secondo i criteri di questo mondo, è meglio che faccia un bel falò di tutte queste idee e sia pazzo, piuttosto che sviarsi dalla vera intelligenza, che è quella che viene dallʼalto. 19Perché la saggezza di questo mondo è pazzia agli occhi di Dio. Come si legge nel libro di Giobbe: «Dio fa cadere i saggi nella trappola della loro sapienza». 20E ancora nel libro dei Salmi è scritto: «Il Signore conosce i progetti dellʼuomo, e sa che sono solo vanità».

21Perciò, non vantatevi di seguire i sapienti di questo mondo, perché Dio vi ha già dato tutto ciò di cui avete bisogno. 22Vi ha dato Paolo, Apollo e Pietro per aiutarvi, vi ha dato tutto il mondo, la vita, la morte, le cose presenti e quelle future. Ecco, sono tutte vostre, 23e voi siete di Cristo, e Cristo è di Dio.