Mushuj Testamento Diospaj Shimi

Apocalipsis 1

Callari shimicunami

1Taita Diosmi cai ricuchinataca, Jesucristoman curca. Chaicunata ñalla rurana cashpami, Jesucristoca Paita servij Juanman huillachun, Paipaj angelta cacharca. Juanmi chaitaca, Diosta servijcunaman huillarca. Paimi Diospaj Shimitapish, Jesucristo huillashcatapish, tucui imallata ricushcatapish alli huillan.

Cai huillashca pajtana punllacunaca, ñamari chayamucun. Chaimanta cai quillcata reźajpish, imalla tucunata huillashcata uyajcunapish, caipi imalla quillcashcata caźujcunapish cushicuichij.

Canchis pueblopi tandanacushca crijcunamanmi quillcashca

Juanmi, Asia llajtapi canchis pueblopi crij tandanacushcacunaman quillcani. Cancunamanca cunanpish, ñaupapish tiyaj, shamunapish tiyacuj Diospish, Pai Diospaj jatun tiyarina ñaupajpi caj canchis Espiritucunapish jatun c'uyaita, sumaj causaita cushca cachun. Shinallataj huillana cashcata alli pajtachij Jesucristopish chaitaca cuchun. Paica, huañushcacunapaj chaupimanta punta causarijmi. Cai pachapi jatun mandajcunatapish Jatun Mandajmi.

Paica, ñucanchijta c'uyashpami,
    ñucanchij juchacunatapish
    Paipaj yahuarhuan maillarca.
Chashnami ñucanchijtaca, Paipaj Yaya Diospajta rurachun jatun mandajcunatapish, curacunatapish rurarca.
Jesucristoca, huiñai huiñaita ‘Sumajmari cangui,
    tucuita rurai tucujmari cangui’ nishca cachun. Chashna cachun.
¡Uyaichij, Cristoca p'uyupimi shamucun! Paitaca tucuicunami ricunga.
    Paita chacatashpa huañuchijcunapish ricungacunami.
Tucui cai pachapi causajcunapish Paita ricushpaca,
    yupashpa yupashpami huacangacuna.
Ari, chashnatajmari canga.

«Callari A shina, tucuri Z shinami ñucaca, tucuita Callarichijpish, Tucurichijpish cani. Cunanpish, ñaupapish ñucallatajmi cani, ñucallatajmi shamusha. Tucuita Rurai Tucujmi cani» ninmi Mandaj Diosca.

Juanca Apunchij Jesustami sumaj achij nicujta ricushca

Ñucaca, cancunapaj huauqui Juanmi cani. Ñucaca cancuna shinallatajmi llaquita apacuni, Dios mandacunpi imata ruranatapish ruracuni, Jesucristo shina alli shunguhuan caticuni. Ñucaca Diospaj Shimita huillashcamantapish, Jesucristomanta huillashcamantapishmi, yacu chaupipi caj Patmos shuti urcupi shitashca tiyacurcani. 10 Chaipimi, Apunchij Jesuspaj punllapi Diospaj Espirituhuan carcani. Ñapish ñuca huashamanca, shuj trompetapi tocashca uyarij shina, sinchita rimashpa uyarircallami. 11 Cashnamari nirca: «Ñucaca, callari A shina, tucuri Z shinami tucuita callarichijpish, tucurichijpish cani. Can imalla ricushcataca, libropi quillcashpa, Asia llajtapi tiyaj Éfeso, Esmirna, Pérgamo, Tiatira, Sardis, Filadelfia, Laodicea shuti, chai canchis pueblocunapi crij tandanacushcacunaman cachai» nircami.

12 Chashna nijta uyashpa, pi ñucata rimacujta ricungapaj tigrarishpaca, curi candelerocunatami canchista ricurcani. 13 Chai canchis candelerocunapaj chaupipica, Runa Aichayuj tucushcaman rijchajtami ricurcani. Paica, chaquicama churanata churashca, curi tajalita tajalishcami carca. 14 Uma ajchapish, yuraj millma shina, rasu shina yurajllami carca. Ñahui luluncunapish, lunyacuj nina shinami carca. 15 Paipaj chaquicunapish, hornopi rupachishca achij nicuj llambujlla bronceman rijchajmi carca. Pai rimashcapish, tauca jatun yacucuna huajyaj shinami uyarirca. 16 Paipaj alli lado maquipica, canchis luźerocunatami charicurca. Paipaj shimimantaca ishqui filoyuj, puntasapa espadami llujshicurca. Paipaj ñahuipish, achijlla punllapi lamyacuj inti shinami carca.

17 Paita ricushpaca, huañushca shinami, Paipaj ñaupajpi urmarcani. Chashna urmajpimi Paica, Paipaj alli lado maquita ñuca jahuapi churashpaca, cashna nirca: «Ama mancharichu, ñucami Callarichijpish, Tucurichijpish cani. 18 Ñucaca causajmi cani. Huañurcanimi, cunanca huiñai huiñaitami causacuni. Chashna cachun. Huañuipaj llavetapish, Hadespaj llavetapish ñucami charicuni. 19 Can imallata ña ricushcata, cunan imalla cashcatapish, caicunapaj cati imalla tucunata ricushcatapish quillcai. 20 Ñuca alli lado maquipi Charicujta can ricushca canchis luźerocunatapish, curi canchis candelerocunapish can mana yachashcacunami. Chaicunaca, caitami nisha nin: Chai canchis luźerocunaca, canchis pueblopi crij tandanacushcacunapaj angelcunami. Can ricushca canchis candelerocunaca, canchis pueblopi tandanacushca crijcunami.

La Bibbia della Gioia

Apocalisse 1

1Questo è il libro che contiene la rivelazione che Gesù Cristo ha ricevuto da Dio, per far sapere ai suoi servi ciò che presto dovrà accadere. Gesù ha inviato il suo angelo al suo servo Giovanni, per far conoscere questa rivelazione, e Giovanni ha scritto punto per punto le parole di Dio e di Gesù Cristo e tutto ciò che ha visto e udito, senza omettere nulla.

Beato chi legge e beati quelli che ascoltano le parole di questa profezia e ne tengono conto, perché sʼavvicina il tempo in cui tutte queste cose sʼavvereranno!

La rivelazione

Questo è ciò che scrive Giovanni alle sette chiese dellʼAsia Minore.[a] Cari fratelli, abbiate grazia e pace da Dio, che è, che era e che sta per venire! E da parte dei sette spiriti, che stanno davanti al suo trono. E da Gesù Cristo, che fedelmente ci rivela tutta la verità. Fu lui il primo a resuscitare dalla morte, per non morire mai più. Lui, che è il più grande di tutti i re della terra: Gesù Cristo, che ci ama e ci ha liberato dai nostri peccati, sacrificando la sua vita per noi. Egli ci ha riuniti nel suo Regno e ci ha eletti sacerdoti di Dio, suo Padre.

A lui vada la gloria e la potenza per sempre. Amen.

Ecco, egli arriva fra le nuvole e tutti lo vedranno, anche quelli che lo hanno ucciso. E i popoli della terra, vedendolo, piangeranno di dolore e di paura. Sì, così sia!

«Io sono il principio e la fine di tutte le cose», dice Dio, il Signore, lʼOnnipotente che è, che era e che verrà! Sono io, il vostro fratello Giovanni, compagno di sofferenze per amore del Signore, che vi scrivo questa lettera. Come voi, anchʼio condivido la pazienza di Gesù; come voi faccio parte del suo Regno.

Ero nellʼisola di Patmo, esiliato per aver predicato la parola di Dio e per aver riferito ciò che sapevo di Gesù Cristo. 10 Una domenica, giorno del Signore, lo Spirito si impadronì di me e udii dietro di me una voce potente, come lo squillo di una tromba, 11 che diceva: «Io sono il principio e la fine». Poi aggiunse: «Scrivi in un libro tutto ciò che stai per vedere e mandalo alle sette chiese dellʼAsia Minore: a Efeso, a Smirne, a Pergamo, a Tiàtiri, a Sardi, a Filadelfia e a Laodicèa».

12 Quando mi voltai per vedere chi parlava, vidi dietro di me sette candelabri dʼoro. 13 In mezzo ai candelabri cʼera uno simile a figlio di uomo. Indossava una tunica lunga fino ai piedi e allʼaltezza del petto aveva una fascia dʼoro. 14 I suoi capelli erano bianchi come la lana o la neve, e i suoi occhi erano penetranti come lingue di fuoco. 15 I suoi piedi splendevano come bronzo fuso e la sua voce risuonava come le onde dellʼoceano. 16 Nella mano destra teneva sette stelle e dalla bocca gli usciva una spada affilata, a doppio taglio. Il suo viso era come il sole quando splende in tutta la sua potenza.

17-18 Appena lo vidi, caddi svenuto ai suoi piedi, ma egli pose la sua destra su di me, dicendo: «Non temere. Io sono il Primo e lʼUltimo, il Vivente. Ho subìto la morte, ma ora vivo per sempre, in eterno, e tengo le chiavi della morte e del regno dei morti. Non temere! 19 Scrivi dunque le cose che hai visto, quelle che sono e quelle che devono ancora accadere. 20 Questo è il significato nascosto delle sette stelle, che hai visto nella mia destra e dei sette candelabri: le sette stelle sono i responsabili delle sette chiese e i sette candelabri sono le chiese stesse.

Notas al pie

  1. 1,4 LʼAsia Minore corrisponde attualmente alla Turchia.