La Bibbia della Gioia

Matteo 21

Gesù sale a Gerusalemme

1Quando Gesù e i suoi discepoli furono vicini a Gerusalemme, in prossimità di Bètfage, sul Monte degli Ulivi, Gesù mandò avanti due dei suoi discepoli al villaggio più vicino.

«Non appena entrerete», disse loro, «troverete unʼasina legata, con il suo puledro vicino. Slegateli e portatemeli qui. Se qualcuno vi chiede cosa state facendo, dite soltanto: “Il Signore ne ha bisogno, ma ve li renderà subito”, e non ci saranno contrattempi». Con questo fatto si avverava lʼantica profezia: «Dite a Gerusalemme che il suo re viene verso di lei, cavalcando umilmente un puledro dʼasina!»

I due discepoli fecero come Gesù aveva loro ordinato.

Gli portarono le due bestie, poi misero i loro mantelli sulla groppa del puledro, perché Gesù potesse cavalcarlo. E molti fra la folla stendevano i propri mantelli davanti al suo cammino, mentre altri tagliavano rami dʼalbero da stendere per terra davanti a lui.

E la folla, che lo precedeva e lo seguiva, gridava: «Osanna al figlio di Davide! Benedetto colui che viene nel nome del Signore! Osanna nel più alto dei cieli.»

10 Quando Gesù arrivò, tutta la città di Gerusalemme era in agitazione. «Chi è mai questʼuomo?!» chiedevano tutti.

11 E la folla rispondeva: «È Gesù, il profeta che viene da Nazaret di Galilea!»

12 Poi Gesù entrò nel tempio, ne cacciò fuori tutti i mercanti, rovesciò i tavolini dei cambiavalute e le bancarelle dei venditori di colombi.

13 «Le Scritture dicono che il mio tempio è un posto di preghiera!» gridò. «Ma voi lʼavete trasformato in una spelonca di ladri!»

14 Allora i ciechi e gli zoppi vennero da lui ed egli li guarì, lì nel tempio. 15 Quando i primi sacerdoti e gli altri capi giudei videro questi miracoli meravigliosi e sentirono che perfino i bambini gridavano nel tempio: «Dio benedica il figlio di Davide!», rimasero turbati e indignati. Si rivolsero a Gesù e gli chiesero: «Non senti che stanno gridando questi bambini?»

16 «Sì», rispose Gesù, «non avete mai letto le Scritture? Dicono: “Tu hai tratto forza dalla bocca dei bambini e dei lattanti che ti lodano.”»

17 Poi ritornò a Betania, dove passò la notte.

18 La mattina dopo, mentre tornava a Gerusalemme, Gesù ebbe fame. 19 Avendo notato un albero di fichi a lato della strada, si avvicinò per vedere se cʼerano dei frutti, ma trovò soltanto foglie. Allora disse allʼalbero: «Che tu non produca mai più frutti!» Immediatamente il fico si seccò.

20 I discepoli restarono allibiti e chiesero: «Come ha fatto questo fico a seccarsi così in fretta?»

21 Allora Gesù disse loro: «Per la verità, se avete fede e non dubitate, potrete fare cose come questa e anche più grandi. Potreste perfino dire a questo Monte degli Ulivi: “Gettati nel mare”, e lo farebbe. 22 Potete ottenere tutto, veramente tutto ciò che chiedete in preghiera, se avete fede».

I capi giudei tendono la loro trappola

23 Gesù ritornò nel tempio. Mentre stava insegnando, i primi sacerdoti e gli altri capi giudei gli si avvicinarono per domandargli con quale autorità il giorno prima avesse cacciato i mercanti.

24 «Ve lo dico, se prima rispondete ad una domanda», rispose Gesù. 25 «Secondo voi, Giovanni Battista fu mandato da Dio o no?» Essi cominciarono a discutere fra loro. «Se diciamo: “Da Dio”,» dicevano, «allora ci chiederà perché non abbiamo creduto a ciò che diceva Giovanni. 26 Se, invece, diciamo che non fu Dio a mandarlo rischiamo di essere linciati, perché tutta questa gente crede che Giovanni sia un profeta». 27 Finalmente risposero: «Non lo sappiamo!»

Allora Gesù disse: «In tal caso neppure io risponderò alla vostra domanda.

28 Voglio però il vostro parere su questo fatto. Un uomo con due figli disse al maggiore: “Figliuolo, vai a lavorare nella vigna, oggi”. 29 “Non ne ho voglia”, gli rispose il figlio, ma più tardi cambiò idea e vi andò. 30 Poi il padre disse al minore: “Vai a lavorare!” Ed egli rispose: “Sì ci vado”. Ma non lo fece. 31 Secondo voi, chi dei due obbedì a suo padre?»

«Il primo, naturalmente», risposero.

Allora Gesù disse: «Sicuramente ladri e prostitute entreranno nel Regno prima di voi. 32 Perché, quando Giovanni Battista vʼinvitò a pentirvi e a convertirvi a Dio, voi non gli avete dato ascolto, mentre gli hanno creduto dei ladri e delle prostitute. E perfino quando avete visto ciò che accadeva davanti ai vostri occhi, non avete voluto cambiare idea e avete continuato a non credergli.

33 Ascoltate ora questa storia: un proprietario terriero piantò una vigna con una siepe intorno, scavò una buca per pigiare lʼuva e fece costruire una piattaforma per il guardiano, poi affittò la vigna ad alcuni contadini con un contratto di mezzadria e se ne andò a vivere in un altro paese.

34 Al tempo della vendemmia, mandò dei suoi dipendenti dai contadini per ritirare la sua parte. 35 Ma i contadini aggredirono i suoi uomini, ne malmenarono uno, ne uccisero un altro e ne lapidarono un terzo.

36 Allora il proprietario mandò molti altri suoi uomini a richiedere la parte che gli spettava, ma il risultato fu lo stesso. 37 Finalmente il padrone mandò suo figlio, pensando che avrebbero senzʼaltro avuto rispetto di lui.

38 Invece, quando quei contadini videro il figlio avvicinarsi, dissero fra loro: “Ecco lʼerede di questa proprietà; venite, uccidiamolo, così ce la terremo per noi!” 39 Allora lo presero, lo gettarono fuori dalla vigna e lo uccisero.

40 E ora ditemi: quando il padrone tornerà, che cosa farà a quei contadini?»

41 «Li farà morire fra atroci sofferenze e affitterà la vigna ad altri, pronti a pagare il dovuto», risposero i capi giudei.

42 Allora Gesù chiese loro: «Non avete mai letto nelle Scritture: “La pietra che i costruttori hanno scartato è diventata la pietra angolare, la pietra più importante dellʼedificio! Questa è lʼopera del Signore, una meraviglia per i nostri occhi!”

43 Intendo dire che il Regno di Dio vi sarà tolto e sarà dato ad un popolo che farà crescere i frutti.

44 Tutti quelli che inciamperanno in questa pietra di verità, saranno sfracellati, e quelli su cui cadrà, saranno ridotti in polvere!»

45 Quando i primi sacerdoti e gli altri capi giudei si accorsero che Gesù stava parlando di loro (erano loro i malvagi contadini della sua storia), 46 avrebbero voluto liberarsi di lui, ma non osavano, perché la folla considerava Gesù un profeta.

Nkwa Asem

Mateo 21

Yesu kɔ Yerusalem

1Aka kakra na Yesu ne n’asuafo no adu Yerusalem no, wɔbɛnee kurow bi a wɔfrɛ no Betfage a ɛwɔ Ngo Bepɔw no so hɔ no. Ɛhɔ na Yesu somaa n’asuafo no mu baanu sɛ, wonni kan nkɔ.

Ɔka kyerɛɛ wɔn se, “Sɛ mudu hɔ a, mubehu sɛ wɔasa afurum bi ne ne ba hama. Monsan wɔn na momfa wɔn mmrɛ me. Sɛ obi bisa mo se, dɛn na moreyɛ a, monka nkyerɛ onii no se, ‘Wɔn ho hia Awurade’ na asɛm biara remma.”

Wɔyɛɛ eyi hyɛɛ tete nkɔmhyɛ a ɛka se, “Monka nkyerɛ Sion babea se, wo hene reba wo nkyɛn. Odwo, na ɔte afurum ne afurum ba so” no mu den.

Asuafo baanu no yɛɛ nea Yesu ka kyerɛɛ wɔn no. Wɔde mmoa no brɛɛ no no, wɔde wɔn ntama sesɛw afurum no so, maa Yesu tenaa ne so. Nnipadɔm a wɔwɔ hɔ no bi de wɔn ntama sesɛw ɔkwan a ɔde aboa no nam so no so. Ebinom nso bubuu nnubaa, de sesɛw ɔkwan no mu saa ara. Dɔm no tu teɛe, de osebɔ teɛteɛɛm se, “Hosiana, Dawid Ba! Nhyira ne nea ɔnam Awurade din mu reba no. Hosiana wɔ soro nohɔ!”

10 Bere a oduu Yerusalem no, kurow no nyinaa bɔɔ twi. Ɛhɔfo no bisae se, “Na hena ni?”

11 Nnipadɔm no buae se, “Ɛyɛ Yesu, odiyifo a ofi Nasaret a ɛwɔ Galileaman mu no.”

Yesu kɔ asɔrefi

12 Yesu fii hɔ no, ɔkɔɔ asɔrefi. Oduu hɔ no, ɔpamoo aguadifo a wɔwɔ hɔ no nyinaa kaa sikasesafo apon nyinaa guu fam, bubuu apata a wɔtɔn mmorɔnoma wɔ mu no nyinaa gui.

13 Yesu ka kyerɛɛ wɔn se, “Kyerɛwsɛm no ka se, ‘M’asɔrefi yɛ beae a wɔbɔ mpae.’ Nanso, mo de, mode hɔ ayɛ akorɔmfo atenae.”

14 Afei, anifuraefo ne mmubuafo baa ne nkyɛn wɔ asɔrefi hɔ, ma ɔsaa wɔn nyinaa yare. 15 Nanso, bere a asɔfo mpanyin ne Yudafo mpanyin bi huu anwonwade yi, na wɔtee nso sɛ, mmofra nkumaa a wɔwɔ asɔrefi hɔ reteɛteɛm se, “Nhyira nka Dawid Ba no” no, anyɛ wɔn dɛ. Enti, wobisaa Yesu se, “Wote nsɛm a mmofra no reka no anaa?”

16 Yesu buae se, “Yiw. Na monkenkanee saa Kyerɛwsɛm a ɛka se, ‘Mmotafowa mpo bɛkamfo no’ no da, anaa?”

17 Afei ofii hɔ san kɔɔ Betania kɔdaa hɔ.

Yesu dome aduaba bi

18 Ade kyee anɔpa a ɔresan akɔ Yerusalem no, ɔkɔm dee no. 19  Ohui sɛ akutu bi si ɔkwan ho baabi. Ɔkɔɔ hɔ kɔhwɛɛ sɛ akutu no bi wɔ so ana, nanso oduu hɔ no, ohui sɛ ahaban nko ara na ɛwɔ so. Ɔdomee aduaba no se, “Efi nnɛ, worensow aba bio!” Ɛhɔ ara, akutu dua no wui.

20 Asɛm yi yɛɛ Yesu asuafo no nwonwa ma wobisaa no se, “Na ɛyɛɛ dɛn na akutu no so ahaban poo ntɛm saa?”

21 Yesu nso buaa wɔn se, “Nokwarem, sɛ mowɔ gyidi a enhinhim a, mubetumi ayɛ ade koro yi ara bi, anaa nea ɛkyɛn saa mpo. Anka mubetumi aka akyerɛ Ngo Bepɔw yi se, ‘Tutu kogu po mu’, na ebetutu akogu mu nso. 22 Biribiara a mode gyidi bebisa wɔ mpaebɔ mu no, mo nsa bɛka.”

Yesu tumi ho asɛmmisa

23 Yesu san kɔɔ asɔrefi hɔ a ɔrekyerɛkyerɛ no, asɔfo mpanyin ne Yudafo mpanyin baa ne nkyɛn bebisaa no tumi ko a ogyina so pamoo aguadifo ne sikasesafo no fii asɔrefi hɔ no.

24 Yesu kae se, “Merebebisa mo asɛm baako bi, na mummua me ansa. 25 Onyankopɔn na ɔsomaa Yohane Osuboni, anaa ɛnyɛ ɔno?” Wɔdwennwenee ho kae se, “Sɛ yɛka se, ‘Efi Onyankopɔn’ a, wobebisa yɛn nea enti a, yɛannye nea Yohane kae no anni. 26 Na sɛ yɛka se, ‘Ɛnyɛ Onyankopɔn na ɔsomaa no’ nso a, dɔm no bɛhaw yɛn, efisɛ, wɔn nyinaa nim sɛ Yohane yɛ odiyifo.” 27 Enti, wɔn mmuae a wɔmae ara ne sɛ “Yennim!” Ɛhɔ ara na Yesu nso kae se, “Sɛ munnim de a, me nso meremmua mo.”

Mmabarima baanu ho bɛ

28 Yesu kae se, “Saa asɛm a merebɛka yi, mudwen ho dɛn? Ɔbarima bi wɔ mmabarima baanu. Ɔka kyerɛɛ wɔn mu panyin no se, ‘Me ba, nnɛ kɔ m’afum na kɔyɛ adwuma wɔ hɔ.’ 29 Ne ba no kae se, ‘Merenkɔ,’ nanso akyiri yi, ɔsesaa n’adwene na ɔkɔe. 30 Afei agya no ka kyerɛɛ akumaa no se, ‘Wo nso kɔ.’ Ɔno nso kae se, ‘Agya, mate, mɛkɔ.’ Nanso wankɔ. 31 Saa mmofra baanu yi mu hena na otiee n’agya asɛm?” Wobuae se, “Ne ba panyin no.” Afei Yesu kyerɛɛ asɛm no ase se, “Akyinnye biara nni ho sɛ nnebɔnyɛfo ne nguamanfo bɛkɔ ɔsoro ahenni mu ansa na moakɔ. 32 Efisɛ, Osuboni Yohane ka kyerɛɛ mo se, monsakra mo su na monkɔ Onyankopɔn nkyɛn nanso, moansakra, maa nnebɔneyɛfo ne nguamanfo sakraa wɔn su. Na muhuu nea ɛbae no koraa, moannye anni, enti moansakra.”

Apaafo ho bɛ

33 Yesu buu wɔn bɛ foforo bi se, “Da bi, ɔbarima bi a ɔwɔ mmɛfuw a wagye ban afa ho, na watu amoa a wokyi ngo wɔ mu, de afuw no gyaw akuafo bi. Eyi akyi no, otuu kwan kɔɔ ɔman foforo bi so.

34 “Eduu bere a mmɛ no beree a, ɛsɛ sɛ wonu no, ɔsomaa ne ho nnipa baa akuafo no hɔ sɛ wommegye ne kyɛfo mmrɛ no. 35 Woduu hɔ ara pɛ na akuafo no tow hyɛɛ nnipa no so, boroo ɔbaako, kum ɔbaako, ɛnna wosiw ɔbaako nso abo.

36 “Afei, ɔsan somaa nnipa a wɔn dodow sen wɔn a ɔsomaa wɔn kan no sɛ wɔnkɔ akuafo no nkyɛn, nanso, asɛm koro no ara bi na esii. 37 Eyi akyi, ɔsomaa ɔno ankasa ne ba akuafo no nkyɛn susuwii sɛ, wɔde nidi bɛma no.

38 “Nanso, akuafo no hui sɛ, ne ba no afiti reba pɛ, wɔfaa ne ho adwene kae se, ‘Ɔdedifo no na ɔreba no; momma yenkum no, na yɛmfa afuw no!’ 39 Ɛhɔ ara, wɔtwee no fii afuw no mu kokum no too baabi.

40 “Sɛ afuw wura no san ba a, mugye di sɛ dɛn na ɔbɛyɛ saa akuafo no.?”

41 Yudafo mpanyin no buae se, “Ɔno nso bekum saa atirimɔdenfo no, na ɔde afuw no ama akuafo foforo a wɔde ne kyɛfa bɛma no bere a ɛsɛ mu.”

42 Yesu bisaa wɔn bio se, “Monkan Kyerɛwsɛm no mu da se, ‘Ɔbo a adansifo apo no, ɛno ara na abɛyɛ ɔdan no tweatibo.’ Eyi yɛ Awurade dwumadi no bi, na ayɛ yɛn ani so anwonwasɛm yi no?”

43 “Nea mereka ara ne sɛ, wobegye Onyankopɔn Ahenni no afi mo nsam de akɔma ɔman foforo a wɔbebu n’afude no ho nkontaa pa akyerɛ no. 44 Wɔn a wɔbɛhwe saa nokware botan yi so no mu bebubu, na nea nokware botan no nso bɛhwe ne so no bɛpɛkyɛw.”

45 Bere a asɔfo mpanyin ne Yudafo mpanyin no tee ase sɛ Yesu asɛm a ɔreka no fa wɔn ho no, 46 wɔpɛe sɛ wɔyɛ no bɔne, nanso na wosuro dɔm no, efisɛ, na wɔagye Yesu atom sɛ ɔyɛ odiyifo.