La Bibbia della Gioia

Matteo 4

Le tentazioni di Gesù

1Poi Gesù fu condotto nel deserto dallo Spirito Santo, per essere tentato da Satana. Dopo un digiuno di quaranta giorni e quaranta notti in cui non mangiò niente ebbe una gran fame.

Allora il diavolo tentatore lo sfidò:

«Dato che tu sei il Figlio di Dio, cambia queste pietre in filoni di pane», insinuò.

Ma Gesù gli disse: «No! Perché le Scritture ci dicono che non è il pane che nutre lʼanima dellʼuomo, ma è lʼobbedienza ad ogni parola di Dio ciò di cui abbiamo bisogno».

Allora il diavolo tentatore lo portò a Gerusalemme sul tetto del tempio. «Poiché tu sei il Figlio di Dio, salta!» gli disse, «perché le Scritture dichiarano: “Egli ordinerà ai suoi angeli di proteggerti ovunque andrai: ti porteranno in palmo di mano in modo che tu in nessun sasso possa inciampare”».

Ma Gesù replicò: «Nelle Scritture è anche detto di non tentare il Signore con stupide prove!»

Poi Satana lo portò sulla cima di una montagna altissima e gli mostrò tutte le nazioni del mondo e la loro gloria. «Le darò tutte a te», disse, «soltanto se tu tʼinginocchierai per adorarmi».

10 «Vattene di qui, Satana!» disse Gesù, «Le Scritture dicono: “Adora solo il Signore, Dio tuo. Ed ubbidisci soltanto a lui!”»

11 Allora Satana se ne andò e vennero gli angeli a prendersi cura di Gesù.

Gesù comincia a predicare

12-13 Quando Gesù venne a sapere che Giovanni era stato arrestato, lasciò la Giudea e tornò a casa, a Nazaret, in Galilea; ma ben presto si trasferì a Cafarnao, sul lago di Galilea, vicino a Zàbulon e Neftali.

14 Così si avverava la profezia di Isaia:

15 «Nelle terre di Zàbulon e Neftali, vicino al lago, nelle campagne al di là del fiume Giordano e nellʼalta Galilea dove abitano tanti stranieri; 16 là i popoli che vivevano nellʼoscurità hanno visto una grande luce; stavano nella terra della morte e la luce si è levata sopra di loro».

17 Da allora in poi, Gesù cominciò a predicare: «Lasciate il peccato e volgetevi a Dio, perché il Regno dei Cieli è vicino!»

18 Un giorno, mentre stava passeggiando lungo la riva del lago di Galilea, Gesù vide due fratelli: Simone, (che poi sarà soprannominato Pietro) e Andrea. Stavano in barca a pescare con le reti, dato che erano pescatori di mestiere.

19 Gesù li chiamò: «Venite con me e vi insegnerò come si pescano le anime degli uomini!» 20 Lasciate immediatamente le loro reti, Simone e Andrea andarono con lui.

21 Poco più oltre, sempre sulla riva, Gesù vide altri due fratelli, Giacomo e Giovanni, che sedevano su di una barca col padre, Zebedeo, e riparavano le reti. Gesù li chiamò. 22 Ed anche quelli interruppero il lavoro e, lasciato il loro padre, andarono con lui.

23 Gesù percorse tutta la Galilea, insegnando nelle sinagoghe, predicando ovunque la buona notizia del Regno dei Cieli e guarendo ogni tipo di malattia ed infermità. 24 La notizia dei suoi miracoli varcò i confini della Galilea, così che una folla di malati ben presto si presentò a lui per farsi guarire, giungendo persino dalla Siria. Li guariva tutti, qualunque fosse la loro malattia o sofferenza; sia che fossero posseduti dai demòni, sia che fossero squilibrati, o paralizzati.

25 Unʼenorme folla lo seguiva ovunque andasse: gente dalla Galilea e dalla Decapoli, gente da Gerusalemme e da tutta la Giudea, e perfino gente che giungeva da oltre il Giordano.

Nkwa Asem

Mateo 4

Ɔbonsam sɔ Yesu hwɛ

1Eyi akyi no, Honhom Kronkron faa Yesu kɔɔ sare so sɛ ɔbonsam nkɔsɔ no nhwɛ. Saa bere no, Yesu dii mmuada adaduanan, awia ne anadwo. Eyi maa ɔkɔm dee no. Ɔbonsam baa Yesu nkyɛn bɛka kyerɛɛ no se, “Sɛ wone Onyankopɔn Ba no a, ka na saa abo yi nnan aduan.”

Yesu buaa no se, “Wɔakyerɛw sɛ, ‘Ɛnyɛ aduan nko ara na ɛho hia onipa wɔ n’asetena mu, na mmom nea ehia titiriw ne sɛ, obedi Onyankopɔn asɛm so.’ “

Afei ɔbonsam de Yesu kɔɔ Yerusalem de no kogyinaa asɔredan a ɛwɔ hɔ no atifi pɛɛ, na ɔka kyerɛɛ no se, “Sɛ wone Onyankopɔn ba no ampa ara a, huruw fi nea wugyinae hɔ si fam, efisɛ, wɔakyerɛw sɛ, ‘Onyankopɔn bɛsoma n’abɔfo abɛsɔw wo na woammɛhwe abotan so.’ “

Yesu buae bio se, “Wɔakyerɛw bio sɛ, ‘Nsɔ Awurade wo Nyankopɔn nhwɛ.’ “

Eyi akyi no, ɔbonsam de Yesu kɔɔ bepɔw tenten bi mpampam. Ɔde n’ani kari kyerɛɛ no wiase ahenni ahorow ne emu anuonyam nyinaa. Afei ɔka kyerɛ Yesu se, “Sɛ wobɛkotow asom me a, mede nea wuhu yi nyinaa bɛma wo.”

10 Ɛhɔ ara na Yesu buae se, “Fi me so, Satan! Wɔakyerɛw sɛ, ‘Kotow som Awurade wo Nyankopɔn, na ɔno nko ara na som no.’ “

11 Yesu ano sii no, ɔbonsam gyaw no hɔ kɔe. Ɛno akyi, abɔfo baa Yesu nkyɛn bɛsom no.

Yesu fiti n’adwuma ase wɔ Galilea

12 Yesu tee sɛ wɔakyere Yohane no, ɔkɔɔ Galilea. 13 Oduu Galilea no, wantena Nasaret, na mmom, otwaam wɔ Nasaret hɔ kɔtenaa Kapernaum a ɛwɔ Galilea mpoano no, Sebulon ne Naftali ahye so. 14 Eyi maa nea odiyifo Elia kae se, 15 “Sebulon asase ne Naftali asase, ɔkwan a ɛkɔ po mu, Yordan agya, amanaman Galilea, 16 nnipa a wɔtenaa sum mu no, Hann kɛse bi apue ama wɔn. Wɔtenaa owu asase so maa Hann no pue maa wɔn wɔ hɔ” no baa mu. 17 Efi saa bere no, Yesu fii n’asɛnka ase se, “Monsakra mo su, momfa mo ho mma Onyankopɔn, na ɔsoro ahenni no abɛn.”

Yesu frɛ asuafo baanan

18 Da bi a Yesu nam Galilea mpoano no, ohuu anuanom baanu bi a wɔn nyinaa yɛ apofofo sɛ wɔregu asau wɔ po no mu. Saa anuanom yi mu baako din de Simon, a ne din foforo nso de Petro. Ɔbaako no nso din de Andrea.

19 Yesu ka kyerɛɛ wɔn se, “Mummedi m’akyi, na mɛkyerɛ mo ɔkwan a wɔfa so yi nnipa kra.” 20 Ɛhɔ ara, wogyaw wɔn asau no guu hɔ bedii n’akyi ne no kɔe.

21 Ɔkɔɔ n’anim kakra no, ohuu Sebedeo mma baanu a wɔfrɛ ɔbaako Yohane, ɛnna ɔbaako nso din de Yakobo, sɛ wɔne wɔn agya te ɔkorow mu retuatua wɔn asau mu. Yesu frɛɛ wɔn nso sɛ wommedi n’akyi. 22 Ntɛm ara, wogyaw wɔn agya ne ɔkorow no hɔ, bedii n’akyi.

Galilea asɛnka ne ayaresa

23 Yesu kyinkyinii Galileaman mu nyinaa kaa ahenni no ho asɛmpa wɔ Yudafo hyiadan mu. Ɔsaa nyarewa ahorow a wɔde baa n’anim nyinaa nso. 24 Yesu anwonwade a ɔyɛe yi trɛw koduu Siriaman mu nyinaa. Eyi ma wɔde wɔn a ahonhommɔne wɔ wɔn so, wɔn a wotwa, wɔn a wɔyare mmubui, ne wɔn a nyarewa ahorow haw wɔn no nyinaa fi Siriaman mu brɛɛ no ma ɔsaa wɔn nyinaa yare. 25 Anwonwade a Yesu yɛe yi, maa nnipakuw a wofi Galilea ne Nkurow Du ‘Dekapoli’ no mu ne Yerusalem ne Yordan agya tu dii n’akyi.