La Bibbia della Gioia

Matteo 10

1Gesù chiamò a sé i dodici discepoli e diede loro il potere di cacciare gli spiriti del male e di guarire ogni tipo di malattia e dʼinfermità. Ecco i nomi dei suoi dodici apostoli: Simone (chiamato anche Pietro), Andrea (fratello di Pietro), Giacomo (figlio di Zebedeo), Giovanni (fratello di Giacomo), Filippo, Bartolomeo, Tommaso, Matteo (lʼesattore delle tasse), Giacomo (figlio di Alfeo), Taddeo, Simone (membro degli «zeloti», un partito politico sovversivo) e Giuda Iscariota (quello che poi lo tradì).

Ordini per i discepoli

Gesù li inviò con queste istruzioni: «Non andate dagli stranieri e neppure dai Samaritani, ma soltanto dalla gente dʼIsraele — le pecore perdute di Dio.

Andate e strada facendo annunciate che il Regno dei Cieli è vicino. Guarite i malati, risuscitate i morti, curate i lebbrosi e scacciate i demòni. Date gratuitamente, così come avete ricevuto!

Non prendete denaro con voi, 10 non portate nemmeno una borsa da viaggio, né vestiti o scarpe di ricambio e nemmeno un bastone, perché quelli che aiuterete dovranno sfamarvi e prendersi cura di voi.

11 Quando arrivate in una città o in un villaggio, cercatevi un uomo giusto e timorato di Dio e restate in casa sua, finché non partirete di nuovo.

12 Quando chiederete il permesso di rimanere, 13 se vedete che quella è una casa in cui Dio è temuto, datele la vostra benedizione, altrimenti non fatelo. 14 Se qualcuno non vi accoglie e non ascolta le vostre parole, partendo, scuotetevi la polvere dai piedi. 15 Per la verità vi dico che nel giorno del giudizio, le malvagie città di Sòdoma e Gomorra, saranno trattate meglio di loro.

16 Vi mando come pecore in mezzo ai lupi! Siate prudenti come serpenti e inermi come colombe. 17 Ma attenzione! Perché vi arresteranno, vi giudicheranno e vi flagelleranno nelle loro sinagoghe. 18 Proprio così, per amor mio, dovrete subire processi davanti a governatori e a re. Così avrete modo di parlare di me, di essere miei testimoni davanti al mondo.

19 Quando sarete arrestati, non preoccupatevi di ciò che dovrete dire al processo, o di come lo direte, perché vi saranno ispirate le parole giuste al momento giusto. 20 Non sarete voi a parlare, sarà lo Spirito del Padre vostro che è in cielo a parlare attraverso di voi!

21 Il fratello tradirà a morte il fratello e il padre tradirà i propri figli. E i figli si ribelleranno contro i genitori e li ammazzeranno. 22 Tutti vi odieranno, perché appartenete a me. Ma chi persevererà fino alla fine, sarà salvato.

23 Quando siete perseguitati in una città, fuggite in unʼaltra, io tornerò prima che le abbiate visitate tutte! 24 Uno studente non è superiore al suo insegnante, né un servo è più importante del suo padrone. 25 Allo studente basta diventare come il suo maestro e al servo essere come il suo padrone. Quindi se io, che sono il capofamiglia, sono stato chiamato Satana, per voi che fate parte della mia famiglia useranno epiteti anche peggiori.

26 Ma non temete quelli che vi minacciano, perché si avvicina il momento in cui tutto ciò che è nascosto sarà messo in luce e tutto ciò che è segreto sarà conosciuto.

27 Ciò che ora vi dico al buio, gridatelo ovunque in piena luce; ciò che vi sussurro allʼorecchio, proclamatelo dai tetti!

28 Non abbiate paura di quelli che possono uccidere soltanto il vostro corpo, ma non possono toccare la vostra anima! Temete soltanto Dio, che può far perire entrambi, sia lʼanima che il corpo, allʼinferno. 29 Neppure un passero (quanto costa? Se ne prendono due per un soldo) può cadere senza che il Padre vostro lo sappia. 30 E per quanto vi riguarda, perfino i vostri capelli sono tutti contati. 31 Perciò non temete! Voi valete più di molti passeri.

32 Chiunque mi riconoscerà come Signore davanti agli uomini, io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è in cielo. 33 Ma se qualcuno mi rinnegherà pubblicamente, anche io lo rinnegherò apertamente davanti al Padre mio che è in cielo.

34 Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra. No, una spada piuttosto! 35 Sono venuto a mettere un figlio contro suo padre, una figlia contro sua madre e la nuora contro la suocera. 36 I peggiori nemici di un uomo saranno proprio in casa sua! 37 Perché se amate vostro padre e vostra madre più di me, non siete degni di appartenermi; se amate vostro figlio o vostra figlia più di me, non siete degni di essere miei. 38 Chi non prende la sua croce e non mi segue, non è degno di appartenermi.

39 Chi si aggrapperà alla propria vita, la perderà; ma chi lʼavrà data per me, la ritroverà.

40 Quelli che vi accolgono, accolgono me. E chi accoglie me, accoglie Dio che mi ha mandato. 41 Chi accoglie un profeta, perché è un uomo di Dio, riceverà la stessa ricompensa che ottiene un profeta. E chi accoglie degli uomini buoni e timorati di Dio, proprio per queste loro qualità, riceverà la loro stessa ricompensa. 42 E se chiunque darà anche solo un bicchiere dʼacqua fresca a uno di questi piccoli perché è mio discepolo, vi assicuro che sarà certamente ricompensato».

Nkwa Asem

Mateo 10

Asuafo dumien no

1Yesu frɛɛ n’asuafo dumien no baa ne nkyɛn, na ɔmaa wɔn tumi sɛ wontu ahonhommɔne na wɔnsa nyarewa ne ahoɔmmerɛw nyinaa.

Yesu asuafo dumien no din ni: Simon a ne din baako ne Petro ne ne nua Andrea; Yakobo ne ne nua Yohane a wɔyɛ Sebedeo mma no; Filipo ne Bartolomeo, Toma ne towgyefo Mateo, Yakobo, Alfeo ba ɛne Tadeo, Simon a ofi Kana, ne Yuda Iskariot a akyiri yi, oyii Yesu mae no.

Yesu somaa asomafo dumien no, hyɛɛ wɔn sɛ, “Monnkɔ nea Amanamanmufo wɔ anaa Samariafo kurow biara mu, na mmom monkɔ Onyankopɔn nguan, a wɔwɔ Israel a wɔayera no nkyɛn. Monkɔka nkyerɛ wɔn se, ‘Onyankopɔn Ahenni no abɛn!’ Monsa ayarefo yare, munnyan awufo, momma akwatafo ho mfi, na muntu ahonhommɔne. Sɛnea munyaa no kwa no, saa ara na mo nso momfa mma kwa.

“Mommfa sikakɔkɔɔ, dwetɛ, anaa kɔbere sika biara mmɔ mo ho. 10 Mommfa akwantubɔtɔ biara a mode nneɛma bi sɛ ntama, ntade anaa mpaboa bɛhyɛ mu. Poma mpo, munnkita bi. Ɛsɛ sɛ wɔn a moboa wɔn no tumi hwɛ mo. 11 Kurow biara a mobɛkɔ mu anaa akuraa biara a mobɛkɔ ase no, monhwehwɛ onipa a Onyamesuro wɔ ne mu akyi kwan, na montena ne nkyɛn kosi da a mubefi hɔ akɔ baabi foforo. 12 Sɛ mokɔ ofi bi mu a, munkyia wɔn se, ‘Asomdwoe nka mo!’ 13 Sɛ saa ofi no mufo gye mo fɛw so a, munhyira wɔn, na sɛ wɔannye mo de a, munnhyira wɔn. 14 Sɛ morefi ofi anaa kurow biara a wɔannye mo wɔ mu no mu akɔ a, momporoporow ofi no anaa kurow no mu mfuturu a ɛwɔ mo nan ase no ngu hɔ. 15 Nokware ni, atemmu da no, Sodom ne Gomora mpo benya baabi agyina wɔ Onyankopɔn anim sen saa kurow no.

Ɔtaa ho nkɔmhyɛ

16 “Monkae sɛ, meresoma mo sɛ nguan akɔ mpataku mu. Monyɛ anifere sɛ awɔ na munnwo sɛ mmorɔnoma. 17 Nanso, monhwɛ yiye wɔ nnipa ho! Wɔbɛkyere mo, adi mo asɛm, abɔ mo mmaa wɔ wɔn asɔredan mu. 18 Me nti, wɔde mo bɛkɔ atumfo ne ahene anim. Eyi bɛma mo anya kwan aka asɛmpa no akyerɛ wɔn ne Amanamanmufo no.

19 “Sɛ wɔkyere mo a, munnnwen asɛm a mobɛka de ayi mo ho ano ho. Wɔde asɛm a mobɛka no bɛma mo bere a ɛsɛ mu. 20 Asɛm a mobɛka no remfi mo, na mmom, mo soro Agya no honhom na ɔnam mo so bɛkasa.

21 “Onua beyi onua ama, na wɔakum no. Saa ara na agyanom nso beyi wɔn mma ama. Mma bɛsɔre atia wɔn awofo ama wɔakum wɔn. 22 Me nti, nnipa nyinaa bɛtan mo. Nanso, nea obetumi agyina pintinn akosi awiei no, wobegye no nkwa.

23 “Sɛ wɔtaa mo kurow bi mu a, munguan nkɔ kurow foforo mu. Mereka nokware akyerɛ mo sɛ, morenwie Israel nkurow nyinaa mu adwumayɛ ansa na Onipa Ba no aba. 24 Osuani nsen ne kyerɛkyerɛfo, na akoa nso nsen ne wura. 25 Osuani sua ne kyerɛkyerɛfo, na akoa nso sua ne wura. Enti, sɛ me a meyɛ ofi no ti no wɔfrɛ me ‘Ɔbonsam’ a, dɛn din na wɔremfa mfrɛ mo! 26 Munnsuro wɔn a wobehunahuna mo. Mmere bi bɛba a nokware no bɛda adi. Nea wɔyɛ no kokoam no nyinaa bɛda adi.

27 “Nea mereka makyerɛ mo wɔ sum mu yi, monka wɔ hann mu. Nea mereka agu mo asom yi, mompae mu nka wɔ adan atifi.

28 “Munnsuro wɔn a wobetumi akum mo nipadua, nanso wɔrentumi nkum mo kra no. Onyankopɔn a obetumi akum nipadua no ne ɔkra wɔ amanehunu kurom no nko ara na munsuro no. 29 Wɔtɔn akasanoma gye ahe? Abien bo nyɛ pɛsewa pɛ? Nanso, akasanoma biara nni hɔ a obewu a mo Agya no nnim ho biribi. 30 Mo tinhwi mpo, wɔakan ne nyinaa. 31 Enti, munnsuro! Mosom bo ma Onyankopɔn sen nkasanoma.

32 “Obiara a ɔbɛka se onim me nnipa anim no, me nso mɛka se minim no m’agya a ɔwɔ soro no anim. 33 Nanso, obiara a ɔbɛka se onnim me nnipa anim no, me nso mɛka se minnim no wɔ mágya a ɔwɔ soro no anim.

Ɛnyɛ asomdwoe, ɛyɛ ɔko

34 “Munnsusuw sɛ mede asomdwoe na ɛbaa asase yi so! Ɛnyɛ asomdwoe na mede bae na mmom, ɔko na mede bae. 35 Maba sɛ mɛma ɔbabarima asɔre atia n’agya, na ɔbabea asɔre atia ne na, na ɔbea warefo nso asɔre atia n’asebea. 36 Obiara tamfo a ne ho yɛ hu no befi n’ankasa ne fi. 37 Nea ɔdɔ n’agya anaa ne na kyɛn me no, rentumi nyɛ me de. Saa ara na nea ɔdɔ ne babarima anaa ne babea kyɛn me no, rentumi nyɛ me de ara nen. 38 Sɛ obi amfa n’asennua na wammedi m’akyi a, ɔrentumi nyɛ me de.

39 “Sɛ woma wo kra som wo bo a, wobɛhwere wo kra no, nanso sɛ wode wo kra no ma me a, wobegye no nkwa.

40 “Obiara a ogye mo no gye me, na nea ogye me no nso gye Onyankopɔn a ɔsomaa me no. 41 Sɛ wugye odiyifo bi sɛ ɔyɛ Onyankopɔn nipa nti a, wobetua wo so ka sɛ odiyifo no ara pɛ. Na sɛ wugye nipa trenee a, wubenya akatua sɛ onipa trenee.

42 “Na obiara a ɔbɛma m’akyidifo yi mu akumaa bi nsu anom no, onii no akatua remmɔ no da.”