La Bibbia della Gioia

Atti 27

Verso Roma

1Quando finalmente fu decisa la partenza per lʼItalia, via mare, Paolo ed altri detenuti furono consegnati a Giulio, un centurione della guardia imperiale. Salimmo a bordo di una nave di Abramiti, che doveva fare diversi scali nei porti della provincia dʼAsia, e prendemmo il mare. Devo aggiungere che cʼera con noi anche Aristarco, un Greco di Tessalonica. Il giorno dopo, arrivammo a Sidone. Qui Giulio, che era molto gentile con Paolo, gli permise di andare a trovare i suoi amici e di accettare la loro ospitalità. Partiti da Sidone, siccome era difficile seguire la rotta, causa i venti contrari, navigammo al riparo dellʼisola di Cipro, e costeggiammo le province della Cilicia e della Panfilia. Così arrivammo a Mira di Licia. Fu là che il centurione trovò una nave egiziana di Alessandria in partenza per lʼItalia, e su quella ci fece imbarcare.

7-8 Dopo aver navigato lentamente per molti giorni, arrivammo, con una certa difficoltà, in vista della città di Cnido. I venti, però, non ci erano favorevoli, e non fu possibile approdare, perciò continuammo a costeggiare lʼisola di Creta in direzione di Capo Salmòne. Dopo aver doppiato con grande difficoltà questo promontorio, giungemmo in una certa località detta «Beiporti», vicino alla città di Lasèa. Qui rimanemmo per parecchi giorni. Il tempo non era favorevole ai lunghi viaggi, in quel periodo, poiché era già passata la data del «gran digiuno». Allora Paolo avvertì lʼequipaggio:

10 «Amici», disse, «secondo me, proseguire il viaggio in questa stagione può essere molto pericoloso, non solo per il carico e la nave, ma anche per tutti noi!» 11 Ma il centurione Giulio, aveva più fiducia nel parere del timoniere e del proprietario della nave, che nelle parole di Paolo. 12 Siccome Beiporti non era certo il posto più adatto per passarvi lʼinverno, la maggioranza fu del parere di continuare la rotta, per raggiungere possibilmente Fenice, porto di Creta, dove poi svernare. Fenice era un posto adatto, esposto soltanto a nord-ovest e a sud-ovest.

13 Proprio allora si era levata una leggera brezza da sud. Sembrava davvero il giorno perfetto per la partenza. Così, salpate le ancore, ripresero a navigare, tenendosi sempre il più possibile vicino allʼisola di Creta.

14 Era iniziata da poco la navigazione, quando improvvisamente, il tempo cambiò e si scatenò sullʼisola un vento impetuoso da nord-est, detto Euroaquilone. 15 La nave fu travolta dalla bufera. Dapprincipio cercammo di tornare verso la costa, ma siccome non cʼera niente da fare, ci lasciammo andare alla deriva.

16 Passammo rapidamente dietro la isoletta di Clauda, e, a stento, riuscimmo a issare a bordo la scialuppa, che rimorchiavamo dietro la nave. 17 Poi i marinai, per precauzione, legarono con delle gómene lo scafo della nave. Per paura di finire sulle coste africane, furono ammainate le vele e così ci trovammo completamente in balìa del vento.

18 Il giorno dopo, siccome la situazione peggiorava, lʼequipaggio cominciò a gettare il carico a mare. 19 Il terzo giorno, gettarono via con le proprie mani anche le attrezzature. 20 Per molti giorni non riuscimmo a vedere né sole né stelle e la terribile tempesta continuava a infuriare su di noi sempre più forte. Avevamo perduto ormai ogni speranza di salvarci.

21 Nessuno mangiava da molto tempo. Finalmente Paolo si alzò fra i compagni di viaggio e disse: «Amici, dovevate darmi ascolto e non partire da Creta; avreste evitato tutto questo pericolo e questo danno! 22 Ma, coraggio! Nessuno di voi ci lascerà la pelle, soltanto la nave andrà perduta!

23 Questa notte, un angelo di Dio, che io servo e al quale appartengo, mi è apparso e mi ha detto: 24 “Non avere paura Paolo! Tu dovrai essere processato davanti a Cesare! Cʼè di più, Dio ha ascoltato la tua richiesta e salverà tutti quelli che navigano con te.” 25 Perciò, fatevi coraggio! Io credo in Dio: sono sicuro che accadrà come lui mi ha detto! 26 Andremo a finire su qualche isola».

27 Verso la mezzanotte della quattordicesima notte di tempesta, sbattuti qua e là in mezzo al mare, i marinai ebbero lʼimpressione che la terra fosse vicina. 28 Gettarono lo scandaglio e rilevarono circa quaranta metri di profondità. Un poʼ più avanti, scandagliando di nuovo, misurarono circa trenta metri. 29 Temendo di finire sugli scogli, gettarono da poppa quattro ancore, aspettando ansiosi che facesse giorno.

30 Ma alcuni marinai pensavano di abbandonare la nave e calarono in mare la scialuppa di salvataggio, col pretesto di gettare le ancore da prua. 31 Allora Paolo disse ai soldati e al centurione: «Se i marinai abbandonano la nave, morirete tutti!» 32 Perciò i soldati tagliarono le corde che sostenevano le scialuppe e le lasciarono cadere in acqua.

33 Mentre si aspettava che facesse giorno, Paolo insisteva perché tutti mangiassero: «Sono due settimane che non toccate cibo», diceva, 34 «mangiate qualcosa adesso. Dovete farlo se volete salvarvi! Perché nessuno di voi ci rimetterà neppure un capello!»

35 Poi prese del pane, ringraziò Dio alla presenza di tutti, lo spezzò e cominciò a mangiare. 36 Allora tutti si fecero coraggio e cominciarono a mangiare. 37-38 A bordo eravamo in tutto duecentosettantasei. Dopo aver mangiato, lʼequipaggio alleggerì ancora la nave, gettando il frumento a mare.

Naufragio

39 Quando si fece giorno, i marinai non riconobbero la costa, ma videro una baia che aveva una spiaggia e decisero di entrarvi con la nave, se fosse stato possibile. 40 Tagliarono le gómene delle ancore, abbandonandole in mare, poi sciolsero i legami dei timoni e, alzata al vento la vela maestra, puntarono verso la riva. 41 Ma finirono su una lingua di terra, che aveva il mare da entrambi i lati, e la nave sʼincagliò. La prua della nave, che si era incastrata sul fondo, restava immobile, mentre la poppa si sfasciava sotto la violenza del mare.

42 I soldati erano del parere dʼuccidere i prigionieri, perché nessuno scappasse a nuoto. 43 Ma il centurione Giulio, che voleva salvare Paolo, non fu dʼaccordo. Anzi, ordinò che tutti quelli che sapevano nuotare si gettassero in acqua e raggiungessero la terra ferma, 44 mentre gli altri si salvassero, aggrappandosi alle tavole e ai relitti della nave. E fu così che tutti giunsero a terra sani e salvi.

Nkwa Asem

Asomafo 27

Paulo kɔ Roma

1Wosii gyinae wiei sɛ yɛnkɔ Italia no, wɔde Paulo ne nneduafo bi hyɛɛ Yulio a ɔyɛ Roma asraafo panyin no nsa. Yɛkɔtenaa hyɛn bi a ɛrekɔ Asia fam no mu wɔ Adramitio. Na Makedoniani Aristarko a ofi Tesalonika no ka yɛn ho.

Ade kyee no, yekoduu Sidon. Yulio yɛɛ Paulo adɔe ma ɔkɔsraa ne nnamfo ma wɔmaa no nneɛma a ɛho hia no no. Esiane sɛ yetuu wɔ hɔ no na mframa bɔ hyia yɛn no nti, yɛka kɔɔ Kipro nifa fam. Yɛnam po so kɔfaa Kilikia ne Pamfilia koduu Mira a ɛwɔ Likia mantam mu no mu. Ɛhɔ na asraafo panyin no huu hyɛn bi a efi Aleksandria rekɔ Italia. Enti ɔde yɛn kɔtenaa mu.

Hyɛn no kɔɔ brɛoo ma yedii nna wɔ po no so. Yɛbrɛe ansa na yɛredu Knido. Esiane sɛ na mframa bɔ hyia yɛn no nti, yɛfaa Salmoni hyɛngyinabea ka kɔɔ Kreta nifa fam. Yɛka kɔɔ mpoano nkakrankakra kosii sɛ yɛde ɔbrɛ beduu baabi a wɔfrɛ hɔ Hyɛn Agyinae a ɛbɛn kurow Lasea.

Esiane sɛ na afe no rekɔ n’awiei na saa bere no nso po no so fa yɛ hu no nti, yɛtenaa hɔ kyɛe. Paulo tuu wɔn fo se, 10 “Anuanom, mihu sɛ, sɛ yɛtoa yɛn akwantu yi so a, yebehu amane ama ebia hyɛn no abɔ ama emu nneɛma asɛe ama nnipa ahwere wɔn nkwa.” 11 Nanso asraafo panyin no antie fo a Paulo tuu wɔn no na mmom otiee nsɛm a hyɛnkafo no ne hyɛn no wura kae no. 12 Esiane sɛ na hyɛngyinabea hɔ nye mma sɛ wɔbɛtena hɔ awɔw bere mu no nti nnipa no pii pɛe sɛ, sɛ ebetumi a, anka hyɛn no betu afi hɔ akɔ Foenike. Foenike yɛ hyɛngyinabea a ɛwɔ Kreta a ɛda atifi ne anafo ntam wɔ atɔe fam. Ɛyɛ baabi a wobetumi atena hɔ awɔwbere mu.

Ɛpo so ahum no

13 Mframa a ano nyɛ den bɔ fii anafo fam. Eyi maa nnipa no susuwii sɛ wobetumi atoa wɔn akwantu no so sɛnea wɔahyehyɛ no. Enti wotuu sɛkyɛ no de hyɛn no faa Kreta mpoano.

14 Ankyɛ koraa na mframa kɛse bi a wɔfrɛ no “Atifi Apuei Mfarama” bɔ fii supɔw no so. 15 Mframa no bɔ bunkam faa yɛn hyɛn no so twee no kɔɔ po no mu. Yɛbɔɔ mmɔden sɛ yɛbɛdan hyɛn no ani na anyɛ yiye no, yegyae maa mframa no twee no kɔe.

16 Yeduu supɔw ketewa bi a wɔfrɛ no Klauda ho a na ɛhɔ mframa ano nyɛ den mpo no, yɛbrɛe ansa na yɛretumi atwe hyɛn no korow a ɛsɛn akyi no aba mu. 17 Hyɛn no mu adwumayɛfo maa so baa hyɛn no mu, kyekyeree no denneenen. Esiane sɛ na wosuro sɛ wɔbɛkɔ akotim anhwea mu nti, woyiyii hyɛn dua no so ntama maa mframa no bɔɔ hyɛn no kɔɔ baabiara a ɛpɛ.

18 Ahum no kɔɔ so tui; ɛno nti ade kyee no, woyiyii hyɛn no mu nneɛma no bi tow guu po no mu. 19 Ne nnansa so no, wɔsesaw hyɛn no ho nneɛma no bi tow gui. 20 Nnafua bebree twaa mu a na yenhu awia anaa nsoromma a na ahum no gu so retu. Eyi maa yɛn anidaso nyinaa sae.

Paulo kyekye wɔn werɛ

21 Nnafua bebree twaa mu a na obiara nnidii no, Paulo ka kyerɛɛ wɔn se, “Anuanom, sɛ mutiee me na yɛantu amfi Kreta a, anka ɛnyɛ ɛne yɛn amanehunu yi. 22 Nanso momma mo bo ntɔ mo yam, efisɛ, mo mu biara renwu na mmom hyɛn no na ɛbɛbɔ.

23 “Nnɛra anadwo, Onyankopɔn a mesom no no bɔfo baa me nkyɛn 24 bɛka kyerɛɛ me se, ‘Paulo, nsuro! Nea ɛbɛyɛ biara wubedu Kaesare anim ama wadi w’asɛm. Wɔn a wɔka wo ho yi nso, Onyankopɔn adom nti, biribiara renyɛ wɔn.’ 25 Anuanom, momma mo bo ntɔ mo yam, efisɛ, migye Onyankopɔn di na asɛm a waka akyerɛ me no bɛba mu pɛpɛɛpɛ. 26 Nanso nea ɛbɛyɛ biara, hyɛn no bɛbɔ wɔ supɔw bi mpoano.”

Hyɛn no bɔ

27 Ne nnawɔtwe abien anadwo no a na ahum no nti hyɛn no redi akɔneaba wɔ Adria po so no, ɔdasu mu na hyɛn no mu adwumayɛfo hui sɛ yɛrebɛn asase. 28 Wɔtow susuhama hui sɛ nsu no mu tenten yɛ anamɔn ɔha ne aduonu. Ɛyɛɛ kakra a wosusuw bio no, wohui sɛ ɛyɛ anammɔn aduɔkron. 29 Esiane sɛ na wosuro sɛ anyɛ a hyɛn no bɛpem abotan bi nti, wɔtow asɛkyɛ anan wɔ hyɛn no akyi twɛn adekyee. 30 Hyɛn no mu adwumayɛfo pɛe sɛ woguan. Enti wogyaa hyɛn no korow no sii po no ani boapa yɛe sɛnea wɔrekɔtow sɛkyɛ wɔ hyɛn no anim. 31 Paulo ka kyerɛɛ asraafo panyin no ne asraafo a wɔka ne ho no se, “Sɛ hyɛn yi mu adwumayɛfo no guan a, mubewuwu.” 32 Eyi nti, asraafo no twaa hama a ɛkyekyere hyɛn no korow no mu no ma ɛkɔe.

33 Ade reyɛ akye no, Paulo srɛɛ wɔn nyinaa sɛ wonnidi. Nea ɔkae ne sɛ, “Nnawɔtwe abien ni, mo mu biara mfaa aduan nkaa n’ano. 34 Mesrɛ mo, obiara nnidi sɛnea ɛbɛyɛ a mobenya ahoɔden. Biribiara renyɛ obiara.”

35 Paulo kasa wiei no, ɔfaa abodoo bɔɔ mpae, daa Onyankopɔn ase wɔ wɔn nyinaa anim na obuu bi dii. 36 Amonom hɔ ara wɔn nyinaa bo tɔɔ wɔn yam ma wofitii ase didii. 37 Nnipa a na yɛwɔ hyɛn no mu no dodow yɛ ahanu ne aduɔsɔn asia. 38 Obiara didi mee no, hyɛn no mu adwumayɛfo no tow aburow a ɛwɔ hyɛn no mu no guu po no mu maa hyɛn no mu yɛɛ hare.

39 Ade kyee no, hyɛn no mu adwumayɛfo no anhu sɛ wɔadu mpoano. Wohuu baabi a po no adidi akɔ asase no mu a nsu taa hɔ. Enti wɔyɛɛ wɔn adwene sɛ wɔbɛka hyɛn no akɔ hɔ ama akotim. 40 Ɛno nti wotwitwaa hyɛn no asɛkyɛ ahama mu maa asɛkyɛ no guu po mu. Afei wɔsansanee hama a ekita akyerɛkyerɛkwan no mu na afei wosii ntama a ɛwɔ hyɛn no anim no sɛnea ɛbɛyɛ a mframa betumi abɔ hyɛn no akɔ mpoano. 41 Nanso hyɛn no kɔpem anhweatam bi ma etimii. Hyɛn no anim timii denneenen ɛnna n’akyi no nso, asorɔkye a na ɛrebɔ no no ma ebubui.

42 Asraafo no yɛɛ wɔn adwene sɛ wobekunkum nneduafo no nyinaa sɛnea ɛbɛyɛ a obiara rennya kwan nguan. 43 Nanso esiane sɛ na asraafo panyin no pɛ sɛ ogye Paulo nkwa no nti, wamma wɔn ho kwan. Mmom, ɔhyɛe sɛ wɔn a wobetumi aguare no mfiti ase nguare nkɔ mpoano. 44 Wɔn a aka no nso ntetare mmerɛte ne nnua asinasin a abubu fi hyɛn no mu no so nkɔ mpoano. Saa kwan yi so na yɛnam beduu mpoano nohɔ dwoodwoo.