La Bibbia della Gioia

Atti 25

1Tre giorni dopo aver assunto lʼincarico nella sua provincia, Festo lasciò Cesarèa e si recò a Gerusalemme. Allora vennero da lui i capi sacerdoti e i Giudei più importanti per presentargli le loro accuse contro Paolo; e pregarono Festo di mandarlo a Gerusalemme. La loro intenzione era di tendergli un agguato e ucciderlo durante il viaggio. Ma Festo rispose che Paolo era tenuto in custodia a Cesarèa, dove egli stesso doveva tornare quanto prima. «Quelli che si occupano di questo affare», aggiunse Festo, «devono venire con me a Cesarèa per il processo».

Inizia il processo

Dopo una decina di giorni, Festo tornò a Cesarèa e, il giorno successivo, aprì il processo contro Paolo.

Quando Paolo arrivò in tribunale, i Giudei venuti da Gerusalemme lo circondarono, lanciandogli contro accuse molto pesanti, che però non potevano provare. Paolo diceva in sua difesa: «Io non ho fatto niente di male né contro la legge dei Giudei, né contro il tempio, e neppure contro Cesare».

Allora Festo, per entrare nelle grazie dei Giudei, chiese a Paolo: «Accetti di andare a Gerusalemme? Per queste accuse potresti essere processato là in mia presenza…»

10-11 Ma Paolo rispose: «No, anzi, chiedo il privilegio di essere ascoltato dallʼimperatore stesso! Voi sapete molto bene che non sono colpevole. Se ho fatto qualche cosa che merita la morte, non sarò io a tirarmi indietro! Ma se sono innocente, né tu, né nessun altro avete il diritto di consegnarmi a costoro che mi vogliono morto. Mʼappello a Cesare!»

12 Allora Festo, dopo aver conferito con i suoi consiglieri, rispose: «Benissimo, ti sei appellato a Cesare e da Cesare andrai!»

13 Dopo alcuni giorni, il re Agrippa, insieme con sua sorella Berenice, venne a far visita a Festo. 14 Siccome si trattennero per diversi giorni, Festo parlò al re del caso di Paolo. «Abbiamo qui un prigioniero», gli disse, «il cui caso mi è stato lasciato da Felice. 15 Quandʼero a Gerusalemme, i capi sacerdoti e gli anziani mi hanno dato la loro versione dei fatti ed hanno chiesto di condannarlo. 16 Naturalmente ho subito detto loro che non rientra nella legge romana condannare un uomo prima del processo. Gli si deve dare la possibilità di difendersi faccia a faccia con i suoi accusatori.

17 Quando i capi sacerdoti e gli anziani Giudei sono venuti per il processo, io, senza perdere tempo, ho fissato lʼudienza per il giorno dopo e ho ordinato che fosse portato Paolo. 18 Ma le accuse fatte contro di lui non erano proprio quelle che mi aspettavo. 19 Si tratta di una questione che riguarda la loro religione… un certo Gesù che morì, ma che, secondo Paolo, è tuttora vivo. 20 Io ero molto perplesso. Come portare avanti un caso di questo genere? Allora ho chiesto a Paolo se voleva andare a Gerusalemme per essere processato in quella città. 21 Invece lui si è appellato a Cesare. Così ho ordinato che fosse di nuovo rinchiuso in prigione, dove resterà finché non lo manderò dallʼimperatore».

22 «Mi piacerebbe proprio sentire questʼuomo!» esclamò Agrippa.

«Domani ne avrai lʼoccasione», rispose Festo. 23 Il giorno seguente, il re Agrippa e Berenice arrivarono in pompa magna nella sala dʼudienza, accompagnati dagli ufficiali e dagli uomini importanti della città. Festo allora ordinò che fosse portato Paolo.

24 Poi si rivolse ai presenti: «Re Agrippa e voi tutti qui presenti», disse, «questo è lʼuomo, per cui i Giudei di questa città e quelli di Gerusalemme chiedono la pena di morte! 25 Secondo me, però, costui non ha fatto niente che meriti tale condanna. Siccome lo stesso imputato sʼè appellato a Cesare, non ho altra alternativa: glielo manderò. 26 Ma che cosa devo scrivere allʼimperatore? In effetti, non ci sono contro di lui accuse che reggano. Perciò lʼho portato qui, davanti a tutti voi, e specialmente davanti a te, re Agrippa, perché dopo questʼesame, tu mi dica cosa devo scrivere. 27 Mi pare assurdo mandare un prigioniero allʼimperatore, senza precisare di che cosa sia accusato!»

Nkwa Asem

Asomafo 25

Festo di Paulo asɛm

1Festo besii Felike ananmu sɛ amrado wɔ Kaesarea no, ne nnansa so ɔkɔɔ Yerusalem. Asɔfo mpanyin ne Yudafo mpanyin no de nsɛm a wɔwɔ tia Paulo no bɛtoo n’anim. Esiane sɛ na wɔabɔ Paulo ho pɔw sɛ wɔbɛtɛw no kwan so akum no nti, wɔsrɛɛ no sɛ wɔmma wɔmfa no mmra Yerusalem. Nanso Festo buaa wɔn se, esiane sɛ Paulo da afiase wɔ Kaesarea na ɛrenkyɛ biara ɔno ankasa bɛkɔ hɔ nti, wɔn a wodi asɛm no anim no ne no nkɔ nkodi asɛm no wɔ hɔ.

Festo dii bɛyɛ nnawɔtwe anaa dadu ansa na ɔresan aba Kaesarea. Obedui adekyee no, ɔtenaa agua mu dii Paulo asɛm.

Bere a Paulo beduu asennii hɔ no, Yudafo a wofi Yerusalem no twaa ne ho hyiae fii ase kekaa nsɛm a ɛnyɛ nokware too no so. Paulo yii ne ho ano se, “Minni biribiara ho fɔ, efisɛ, menkasa ntiaa Yudafo mmara; minguu asɔredan ho fi, ɛnna menkasa ntiaa Roma aban nso.”

Esiane sɛ na Festo pɛ sɛ ɔsɔ Yudafo no ani nti, obisaa Paulo se, “Wopɛ sɛ mede wo kɔ Yerusalem kodi w’asɛm wɔ hɔ anaa?”

10 Paulo buae se, “Esiane sɛ ɔhempɔn Kaesare asennii na migyina nti, ɛha ara na ɛsɛ sɛ wodi m’asɛm, bu me atɛn, efisɛ menyɛɛ Yudafo bɔne biara sɛnea wo ara wunim no. 11 Sɛ mabu mmara so anaa mayɛ biribiara a ɛno nti ɛsɛ sɛ wobu me kumfɔ a, minsuro. Nanso sɛ nsɛm a saa Yudafo yi ka tia me no nyɛ nokware a, obiara rentumi mfa me mma wɔn. Miguan metoa ɔhempɔn Kaesare.”

12 Festo ne ne mpanyimfo tuu agyina wiei no, ɔka kyerɛɛ Paulo se, “Esiane sɛ woaguan atoa ɔhempɔn Kaesare no nti, yɛde wo bɛkɔ n’anim.”

Paulo ho nkɔmmɔdi

13 Nna bi akyi no, ɔhene Agripa ne Berenike baa Kaesarea bɛmaa Festo akwaaba. 14 Wɔwɔ hɔ no, Festo ne ɔhene Agripa dii Paulo asɛm no ho nkɔmmɔ. Festo ka kyerɛɛ ɔhene no se, “Ɔbarima bi wɔ ha a Felike gyaw no odeduani; 15 na mekɔɔ Yerusalem no, Yudafo asɔfo mpanyin ne mpanyin kaa nsɛm bi tiaa no se minnyina so mmu no kumfɔ. 16 Nanso meka mekyerɛɛ wɔn se, Roma mmara mma ho kwan sɛ wobu obi fɔ bere a wonnii n’asɛm; wɔmma no ho kwan na onyi ne ho ano wɔ asɛm a wɔka tia no no ho.

17 “Wɔbae no mansɛe bere koraa na ade kyee no, mehyɛɛ sɛ wɔmfa no mmra na minni n’asɛm. 18 Nanso wɔanka nsɛm a misusuwii no mu biara anto no so. 19 Nsɛm a wɔkae no fa wɔn nyamesom ne ɔbarima bi a wɔfrɛ no Yesu a owui nanso Paulo ka se ɔte ase no ho. 20 Esiane sɛ na asɛm no kyere m’adwene no nti, mibisaa Paulo se ɔpɛ sɛ mikodi n’asɛm wɔ Yerusalem anaa? 21 Nanso Paulo guan toaa ɔhempɔn Kaesare. Enti mesan ma wɔde no kɔtoo afiase kosi bere a metumi de no akɔ ɔhempɔn Kaesare anim.”

22 Ɔhene Agripa ka kyerɛɛ Festo se, “Mepɛ sɛ m’ankasa mitie n’ano asɛm.” Festo ka kyerɛɛ no se, “Ɔkyena mede no bɛba na woatie n’ano asɛm.”

Paulo gyina Ɔhene Agripa anim

23 Ade kyee no, Ɔhene Agripa ne Berenike de ahyehyɛ ne ahokeka de asraafo mpanyimfo ne kurow no mu mpanyin kaa ne ho kɔɔ asennii hɔ. Festo hyɛ ma wɔde Paulo baa asennii hɔ.

24 Festo kae se, “Ɔhene Agripa ne mo a moahyia ha nyinaa, saa ɔbarima yi na Yudafo a wɔwɔ ha ne Yerusalem no aka nsɛm atia no, de no abrɛ me sɛ mimmu no kumfɔ no, 25 nanso mannya asɛm biara annyina so a mede bebu no kumfɔ. Esiane sɛ ɔno ankasa guan toaa ɔhempɔn Kaesare no nti, mayɛ m’adwene sɛ mede no bɛkɔ n’anim. 26 Esiane sɛ minni asɛm pɔtee bi a mɛkyerɛw akɔma ɔhempɔn Kaesare nti, na mede no aba wo ɔhene Agripa anim sɛ, sɛ wuwie wo nhwehwɛmu a, manya biribi agyina so makyerɛw ne ho asɛm. 27 Minnye nni sɛ ntease wom sɛ mede odeduani bɛkɔ n’anim a menkyerɛw biribi pɔtee bi a etia no!”