La Bibbia della Gioia

1 Pietro 5

Una parola ai, responsabili della comunità

1Ed ora una parola a voi, che siete i responsabili della chiesa. Anchʼio sono uno di voi, e con i miei occhi ho visto Cristo morire sulla croce; anchʼio, quando Cristo tornerà, parteciperò alla sua gloria e al suo onore. Colleghi, questa è la mia preghiera per voi abbiate cura del gregge che Dio vi ha affidato; sorvegliatelo di buona voglia, non per obbligo né per interesse, ma perché desiderate con tutto il cuore fare ciò che il Signore desidera. Non siate tiranni con quelli che vi sono stati affidati, ma guidateli col vostro buon esempio; allora, quando apparirà Cristo, il capo di tutti i pastori, riceverete una gloriosa ricompensa che durerà per sempre.

Allo stesso modo, voi giovani ubbidite agli anziani. E tutti voi siate pronti a servirvi a vicenda con umiltà, perché le Scritture dicono: «Dio dà benedizioni speciali agli umili, ma resiste ai superbi». Se vi umilierete sotto la potente mano di Dio, al momento giusto egli vi rialzerà.

Affidate a lui tutte le vostre preoccupazioni e ansietà, perché egli ha cura di voi.

Siate lucidi di mente e attenti agli attacchi di Satana, il vostro grande nemico che sʼaggira come un leone ruggente, cercando qualcuno da divorare. Ma voi resistete, quando vi attacca, e abbiate fede nel Signore! E ricordate che anche altri cristiani, sparsi per il mondo, stanno patendo le vostre stesse sofferenze.

10 Ma, dopo che avrete sofferto un poʼ, il nostro Dio, che dona ogni grazia per mezzo di Cristo, vi darà la sua gloria eterna. Egli verrà di persona a prendervi, e vi renderà perfetti, stabili e più forti che mai. 11 A lui sia la potenza su tutte le cose per sempre. Amen.

12 Vi ho scritto queste poche righe con lʼaiuto di Silvano, nostro fratello fedele. Con questa lettera spero dʼavervi incoraggiato, perché in ciò che vi ho detto cʼè la vera grazia di Dio. Rimanete ben saldi in essa!

13 La comunità cristiana che sta in questa Babilonia, e che è vostra sorella nel Signore, vi manda i suoi saluti. Saluti anche da Marco, il mio figliolo. 14 Salutatevi a vicenda con un bacio fraterno. Pace a voi tutti che appartenete a Cristo.

Pietro.

Nkwa Asem

Petro I 5

Kɔkɔ a wɔbɔ adefo

1Me a meyɛ ɔpanyin no, mitu asafo no mu mpanyimfo fo sɛ, meyɛ Kristo amanehunu no ho adanse nti n’anuonyam a ɛbɛba no bɛka me. Mitu mo fo sɛ, monyɛ nguan a Onyankopɔn de wɔn ahyɛ mo nsa no nguanhwɛfo na monhwɛ wɔn yiye sɛnea Onyankopɔn pɛ sɛ moyɛ no. Monyɛ adwuma a monhwehwɛ ho akatua biara na mmom ɔpɛ ara na mopɛ sɛ moyɛ. Monnhyɛ wɔn a wɔde wɔn ahyɛ mo nsa no so na mmom monyɛ nhwɛso pa mma nguan no. Na sɛ Oguanhwɛfo panyin no ba a, wɔbɛma mo anuonyam ahenkyɛw a ɛho nsɛe da.

Saa ara na ɛsɛ sɛ mmabun, mobrɛ mo ho ase ma mpanyimfo. Mo nyinaa mfa ahobrɛase nkatanim mmɔ mo asen na monsom mo ho mo ho efisɛ, Kyerɛwsɛm no ka se, “Onyankopɔn siw ahantanfo kwan na ɔdom ahobrɛasefo.” Enti mommrɛ mo ho ase nhyɛ Onyankopɔn nsa a tumi wɔ mu no ase sɛnea ɛbɛyɛ a ɔbɛma mo so wɔ bere a ɛsɛ mu.

Momfa mo dadwene ne mo haw nyinaa nto ne so efisɛ, odwen mo ho.

Mo ani nna hɔ; monwɛn efisɛ, mo tamfo bonsam no nam sɛ gyata a ɔbobɔm hwehwɛ nea obenya no amene. Momfa gyidi nnyina pintinn nsiw no kwan efisɛ, munim sɛ mo nuanom gyidifo a wɔwɔ wiase mmaa nyinaa rehu saa amane koro no ara bi.

10 Na adom nyinaa Nyankopɔn a wafrɛ mo aba ne daa anuonyam no mu Kristo mu no, ɔno ara na sɛ munya hu amane kakra ansa a, obesiesie mo pɛ; ɔbɛma mo ase atim. Ɔbɛhyɛ mo den; ɔbɛma mo anya nnyinaso. 11 Ɔno na tumi wɔ no daa daa. Amen.

12 Me nua gyidini Silwano na ɔboaa me ma mekyerɛw saa krataa tiaa yi. Mepɛ sɛ mehyɛ mo nkuran na midi adanse sɛ, eyi yɛ Onyankopɔn adom kann. Munnyina mu dennen.

13 Asafo a Onyankopɔn ayi wɔ Babilonia no ne me ba Marko kyia mo. 14 Momfa ɔdɔ atuuyɛ wɔ Kristo mu nkyiakyia mo ho mo ho. Asomdwoe nka mo a mowɔ Kristo mu no nyinaa.